Decreto Covid, addio mascherine al chiuso e green pass: ecco il calendario delle riaperture

Emiliana Costa

17/03/2022

18/03/2022 - 15:02

condividi

Il Cdm ha approvato il nuovo decreto Covid che ufficializza la road map delle riaperture. Addio mascherine al chiuso e green pass: il calendario con tutte le date.

Decreto Covid, addio mascherine al chiuso e green pass: ecco il calendario delle riaperture

In arrivo il decreto riaperture. Il Consiglio dei ministri ha approvato oggi il nuovo decreto Covid che delinea la road map delle riaperture. A partire dal 31 marzo, giorno in cui terminerà lo stato d’emergenza. Stamane si è svolta la cabina di regia a Palazzo Chigi.

Si tratta dunque di un ritorno alla normalità «pre-pandemia», con tappe fissate a partire dal 1° aprile fino al 15 giugno. Nonostante negli ultimi giorni i casi siano tornati a salire, sfiorando oggi quota 80 mila nuovi positivi nelle 24 ore. Addio dunque alle mascherine al chiuso e al green pass: ecco il calendario delle riaperture.

Nuovo decreto Covid, il calendario delle riaperture

Il 31 marzo, dopo due anni e due mesi, terminerà lo stato d’emergenza e comincerà la fase di contenimento del virus. Il governo Draghi presenta oggi il nuovo decreto con tutte le date delle riaperture.

Addio green pass dal 1° maggio

A maggio termina l’obbligo di green pass. Nel corso della cabina di regia a Palazzo Chigi sarebbe stato stabilito di mantenere l’obbligo di green pass (base o super nei diversi luoghi) fino al 30 aprile. Da maggio non sarà più necessario esibirlo.

Il super green pass (rilasciato con la sola vaccinazione o guarigione da Covid-19) resterà in vigore fino al 30 aprile per i ristoranti al chiuso, centri benessere, sale da gioco, discoteche, congressi ed eventi sportivi al chiuso.

Dal 1° aprile decade l’obbligo di super green pass sui luoghi di lavoro per gli over 50. In sostanza, resterebbe in vigore l’obbligo di green pass base per accedere al posto di lavoro.

Addio mascherine al chiuso?

L’obbligo di mascherine - previsto attualmente in tutti i luoghi al chiuso, compresa la scuola - resterà in vigore fino al 30 aprile. È quanto emerso nel corso della cabina di regia.

Dal 1° di aprile non sarà più richiesto il green pass sui mezzi del trasporto pubblico locale, mentre resterà in vigore l’obbligo di indossare le mascherine. L’obbligo di mascherina al chiuso sarà dunque prorogato fino al 30 aprile.

Si legge nel testo della bozza: «Fino al 30 aprile 2022 in tutti i luoghi al chiuso con esclusione delle abitazioni private è fatto obbligo, sull’intero territorio nazionale, di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie. Anche per l’accesso ai mezzi di trasporto e per il loro utilizzo. Dagli aerei ai treni, i pullman e i mezzi impiegati nei servizi di trasporto pubblico locale o regionale e per il trasporto scolastico».

Inoltre, l’obbligo resta per «l’accesso a funivie, cabinovie e seggiovie, qualora utilizzate con la chiusura delle cupole paravento, con finalità turistico-commerciale e anche ove ubicate in comprensori sciistici».

Capienze e stadi

Secondo la bozza del decreto, dal 1° aprile decadrà ovunque il limite alle capienze nelle strutture. Anche negli stadi, la capienza massima consentita tornerà al 100 per cento da aprile.

Obbligo di vaccino solo per personale sanitario e stop quarantene

L’obbligo di vaccino rimarrà in vigore fino a fine anno solo per il personale sanitario e delle Rsa. Decade dunque per il comparto scuola e per quello della sicurezza, dove era stato finora previsto.

Dal 1° aprile inoltre stop alle quarantene da contatto: andranno in isolamento solo i contagiati. Niente più distinzioni tra vaccinati e non vaccinati. Chi avrà un contatto con un positivo dovrà applicare il regime dell’autosorveglianza.

Dal 31 marzo terminerà lo stato di emergenza: verrà sciolto il Comitato tecnico scientifico e sarà abolito il sistema a colori delle regioni.

Le regole a scuola

Per quanto riguarda la scuola, andranno in dad solo gli alunni contagiati. Resta l’obbligo di mascherina e di distanza di sicurezza fino a fine anno scolastico. Una buona notizia per gli studenti è il ritorno delle gite d’istruzione.

Iscriviti a Money.it