De Luca cambia idea: no lockdown, ristori impossibili

Da ultime indiscrezioni il Presidente della Regione Campania sembra in totale dietrofront sul lockdown: “Senza soldi ristori sarebbero impossibili”

De Luca cambia idea: no lockdown, ristori impossibili

Ha dell’incredibile la notizia trapelata negli ultimi minuti dalle principali fonti di stampa: niente lockdown in Campania.

Dall’Ansa a SkyTg24, tutte le testate avrebbero appreso con certezza la clamorosa decisione del Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca al termine della conferenza Stato-Regioni, cruciale a spingerlo verso il no.

Dal governo centrale sarebbero infatti state scoraggiate “drastiche misure restrittive a livello nazionale”, elemento che avrebbe “isolato” la Campania in caso di provvedimenti come quelli annunciati da De Luca.

De Luca cambia idea: no lockdown, ristori impossibili

A preannunciare maggiori polemiche e discussioni sono però soprattutto le ulteriori spiegazioni fornite da De Luca, che avrebbe parlato di una mancanza di possibilità economiche per poter fornire il cosiddetto ristoro alle attività costrette a un fermo.

Dopo i violenti scontri di ieri sera sulla scia proprio delle proteste contro l’imminente coprifuoco, pare per ora escluso il «simil-lockdown» pronto solo fino a qualche ora fa per l’intera Campania.

Le indicazioni dal governo centrale sarebbero state inequivocabili da questo punto di vista, scoraggiando ogni mossa “drastica”:

“È emersa l’indicazione del Governo di non assumere drastiche misure restrittive a livello nazionale. In queste condizioni diventa improponibile realizzare misure limitate a una sola regione, al di fuori quindi di una decisione nazionale, che comporterebbe anche incontrollabili spostamenti al di fuori dei confini regionali”,

ha riportato solo pochi minuti fa l’ANSA.

Da non escludere però una nuova misura che ridisciplini lo scenario nella regione nei prossimi giorni, mentre resta confermata per ora la didattica a distanza.

Argomenti:

Iscriviti alla newsletter

Money Stories