LIVE: Crypto.com sta per fallire? Ondata di prelievi partita da un trend su Twitter

Redazione

14/11/2022

14/11/2022 - 23:33

condividi

L’exchange sta avendo difficoltà a far fronte alle numerose richieste di prelievo dopo il caso FTX, il token CRO in crollo verticale.

LIVE: Crypto.com sta per fallire? Ondata di prelievi partita da un trend su Twitter

Crypto.com, uno dei maggiori exchange crypto mondiali e il maggior network al mondo di carte di credito con cashback in crypto (attraverso il token proprietario Cronos, CRO) sta, secondo diversi esperti del settore, sperimentando una «corsa agli sportelli» a cui apparentemente non sta riuscendo a far fronte.

Se ciò fosse confermato il motivo sarebbe piuttosto grave: significherebbe che Crypto.com non detiene effettivamente le crypto depositate dai clienti.

Moltissimi esperti del settore parlano di fallimento imminente, persino questione di ore. Nel frattempo, il token CRO sta crollando, segno del fatto che gli utenti stanno cercando di liberarsi in massa del token e/o del fatto che l’azienda sta vendendo token sul mercato per acquisire crypto o denaro utili a soddisfare le richieste di prelievo.

VAI SUBITO AGLI AGGIORNAMENTI LIVE

I tweet e i messaggi social delle ultime ore sul «Crypto.com bankrun»

Riportiamo di seguito una serie di tweet e post social riguardanti la vicenda. I commenti si dividono tra la constatazione di un bankrun (corsa agli sportelli) in corso all’invito a non detenere le proprie crypto sull’exchange. Ovviamente tutti questi messaggi hanno l’effetto di contribuire a procurare il fenomeno che raccontano

Non mancano commenti che ricordano come, di fronte a un fenomeno di bankrun, anche una banca tradizionale verrebbe spinta al fallimento dai suoi stessi clienti:

Possiamo testimoniare direttamente che di 2 richieste di prelievo eseguite nel corso di oggi pomeriggio, 13 novembre 2022, solo una in ethereum è andata a buon fine mentre quella in bitcoin no.

Ricordando che non è mai una buona idea lasciare delle crypto sui wallet di un exchange (vanno infatti sempre tenute su un wallet privato e locale) continueremo a seguire l’evolversi della vicenda.

Aggiornamenti LIVE

Ancora problemi con i prelievi

Nella giornata di oggi si è fatto notare il tweet dello Youtuber @MartiniGuyYT che come abbiamo potuto testimoniare anche noi nella giornata di ieri ha sperimentato una lunga attesa per prelevare i suoi asset da Crypto.com

E’ seguito, alcune ore dopo, un tweet del CEO di Crypto.com Kris Marszalek che segnala come i prelievi siano regolari, invitando a smetterla con il FUD, acronimo che sta per Fear, uncertainty and doubt e che rappresenta nel gergo delle crypto, l’attività di disseminare panico e incertezza per impattare sul prezzo di un asset digitale.

Enorme aumento di prelievi (grafico)

Il picco di prelievi in corso da Crypto.com è importante. Di seguito un grafico riguardante la parte relativa Ethereum e token collegati, il grafico rappresenta il volume delle transazioni.

Nel frattempo l’utente verificato foobar condivide dati che suggeriscono come Crypto.com possa aver usato i depositi degli utenti per attività speculative proprie, fatto grave di per sé che potrebbe renderli effettivamente insolventi nel caso in cui la corsa ai prelievi continuasse.

Prelievo BTC avvenuto

Dopo circa 6 ore dalla richiesta il prelievo Bitcoin ha avuto successo, le operazioni quindi sono rallentate ma Crypto.com è nei fatti in grado, al momento, di liquidare le richieste di prelievo.

Prelievo BTC ancora in corso

A distanza di 2 ore dalla richiesta di trasferimento il prelievo di bitcoin dall’account a cui abbiamo accesso in visione è ancora non eseguito. Sull’app Crypto.com lo stesso risulta «pending».
E’ confermata l’esecuzione tempestiva del prelievo in ETH.

Argomenti

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.