Crisi finanziaria e inflazione: perché il peggio deve ancora arrivare

Violetta Silvestri

03/05/2023

03/05/2023 - 10:40

condividi

Tra crisi bancaria, instabilità finanziaria e inflazione elevata, il peggio per l’economia globale deve ancora arrivare: lo stimano diversi analisti, mettendo in allarme l’intero sistema finanziario.

Crisi finanziaria e inflazione: perché il peggio deve ancora arrivare

Il peggio deve ancora arrivare nella finanza mondiale? Secondo esperti e analisti sta iniziando un’era di inflazione elevata, tassi sempre più alti e fragilità sistemiche finanziarie piuttosto pericolose.

Dopo il salvataggio della First Republic Bank da parte di JPMorgan Chase durante il fine settimana, i principali economisti prevedono che un periodo prolungato di tassi di interesse più elevati esporrà ulteriori fragilità nel settore bancario, compromettendo potenzialmente la capacità delle banche centrali di frenare l’impennata dei prezzi.

Nello specifico, le banche centrali di tutto il mondo hanno aumentato in modo aggressivo i tassi di interesse per oltre un anno nel tentativo di frenare l’inflazione alle stelle, ma negli ultimi giorni diversi analisti hanno avvertito che le pressioni sui prezzi probabilmente rimarranno più elevate più a lungo. Tutto questo può innescare un meccanismo assai pericoloso per l’instabilità finanziaria: il peggio deve ancora arrivare?

Inflazione sempre più alta: la crisi può solo peggiorare?

Il rapporto del WEF Chief Economists Outlook pubblicato lunedì ha evidenziato che l’inflazione rimane una preoccupazione primaria. Quasi l′80% dei principali economisti intervistati ha affermato che le banche centrali devono affrontare “un compromesso tra la gestione dell’inflazione e il mantenimento della stabilità del settore finanziario”, mentre una percentuale simile si aspetta che le banche centrali facciano fatica a raggiungere i propri obiettivi di inflazione.

“La maggior parte dei principali economisti si aspetta che le banche centrali siano in difficoltà tra il voler ridurre ulteriormente l’inflazione e le preoccupazioni per la stabilità finanziaria che sono sorte anche negli ultimi mesi”, ha detto lunedì Zahidi alla CNBC.

Non solo, diversi importanti analisti hanno dichiarato martedì a un panel al World Economic Forum Growth Summit di Ginevra che l’aumento dell’inflazione e una maggiore instabilità finanziaria sono destinati a restare.

“...Abbiamo un’era che sarà strutturalmente più inflazionistica, un mondo all’insegna della post-globalizzazione in cui non avremo la stessa scala di scambi, ci saranno più barriere commerciali, un popolazione più anziana, il che significa che i pensionati non risparmiano allo stesso modo”, ha affermato Karen Harris, amministratore delegato delle tendenze macro di Bain & Company.

Inoltre, la forza lavoro è in calo e questo richiede investimenti nell’automazione in molti mercati, quindi meno generazione di capitale, meno libera circolazione di capitali e beni, più richieste di capitale. Ciò significa inflazione, l’impulso dell’inflazione sarà più alto, ha aggiunto Harris.

Jorge Sicilia, capo economista del gruppo BBVA, ha affermato che dopo il brusco aumento dei tassi negli ultimi 15 mesi circa, le banche centrali probabilmente vorranno “aspettare e vedere” come questo cambiamento di politica monetaria si trasmetterà attraverso l’economia. Tuttavia, ha affermato che una preoccupazione maggiore sono le potenziali “sacche di instabilità” di cui il mercato è attualmente all’oscuro.

“In un mondo in cui la leva finanziaria è stata molto alta perché hai avuto tassi di interesse molto bassi per un lungo periodo di tempo, in cui la liquidità non sarà ampia come prima, non saprai quale sarà il prosismo problema”, ha detto Sicilia al panel.

L’attenzione è anche sull’ultimo rapporto sulla stabilità finanziaria del Fondo monetario internazionale, che fa riferimento all’“interconnessione” tra leva finanziaria, liquidità e queste sacche di instabilità. Per questo il peggio può ancora arrivare.

L’allarme del FMI: l’instabilità finanziaria travolgerà il mondo?

Il capo del Fondo monetario internazionale ha affermato che la rapida accelerazione dei tassi di interesse ha messo a nudo le vulnerabilità nel settore finanziario, aggiungendo che il settore bancario deve stare attento a ulteriori rischi.

I leader del settore devono anticipare gli shock ed essere pronti ad agire quando si verificano, perché arriveranno, ha detto Kristalina Georgieva in un’intervista per Bloomberg News.

“Quello che abbiamo vissuto negli ultimi anni è stata una serie di eventi impensabili”, ha detto Georgieva, citando la pandemia, la guerra in Ucraina, il rapido aumento dei tassi di interesse dopo molti, molti anni in cui sono rimasti bassi.

Il mese scorso il FMI ha avvertito che le turbolenze nel sistema bancario saranno probabilmente un freno alla crescita economica e che i mercati finanziari sono rimasti fragili e stressati.

Ha abbassato le sue prospettive di crescita al 2,8% per quest’anno e ha avvertito di ulteriori rischi al ribasso poiché le tensioni nel settore finanziario si aggiungono alle pressioni derivanti dall’inasprimento della politica monetaria e dall’invasione russa dell’Ucraina.

Il capo del FMI ha anche discusso questioni relative ai ritardi nella ristrutturazione del debito dei mercati emergenti. Più di 70 nazioni a basso reddito affrontano un debito collettivo di 326 miliardi di dollari, di cui più della metà è già in difficoltà debitoria o vicina, tra cui Zambia, Etiopia e Ghana.

Lo stress sull’economia globale è davvero alle stelle. Per questo la crisi non può che peggiorare secondo diverse stime.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Correlato