Cosa significa il crollo del rublo per gli analisti

Violetta Silvestri

9 Marzo 2022 - 15:27

condividi

Il rublo è tornato a scambiare a Mosca affondando verso nuovi minimi storici nei confronti del dollaro. La debolezza della valuta russa interroga gli analisti nel pieno della guerra e delle sanzioni.

Cosa significa il crollo del rublo per gli analisti

Il rublo russo è crollato ai minimi storici nel commercio onshore mercoledì 9 marzo.

Nonostante le misure di Mosca per sostenere la sua economia malconcia e salvaguardare la disponibilità di valuta nel mezzo di nuove sanzioni economiche per l’invasione dell’Ucraina, la moneta nazionale è rimasta assai debole.

Recuperando dopo due giorni di chiusura del mercato, il rublo è balzato a 120,83 per dollaro alla Borsa di Mosca per scambiare a 117 dollari circa alle ore 15.00 italiane, ancora più del 10% in meno rispetto alla chiusura di venerdì.

Rispetto all’euro, vale l’1% in meno, a 119,5 euro, dopo aver raggiunto un record di 131 per euro nei primi scambi.

Come spiegano gli analisti questo brusco affondo del rublo e cosa prevedono per il sistema finanziario della nazione?

Rublo in picchiata: cosa significa e previsioni

Il rublo russo ha perso più del 64% rispetto al dollaro da inizio anno per raggiungere un minimo storico, in gran parte a causa della sorprendente severità delle sanzioni occidentali imposte alla Russia e al suo sistema finanziario.

A spingere il calo della scorsa settimana, secondo BMO Capital Markets, è stato il blocco effettivo della capacità della Banca centrale russa di utilizzare le sue masse di riserve valutarie, la maggior parte delle quali erano denominate in euro e detenute presso le banche dell’UE.

Il punto di partenza favorevole della posizione esterna della Russia prima dell’invasione, la mancanza di un divieto totale e immediato alle importazioni dell’UE di combustibili fossili russi e il raddoppio del tasso di interesse di riferimento al 20% hanno in qualche modo mitigato l’entità della caduta dell’USD/RUB secondo gli esperti dei cambi BMO Greg Anderson e Stephen Gallo.

Intanto, la banca centrale ha affermato martedì 8 marzo che stava offrendo ulteriore supporto in caso di crisi alle società finanziarie e che alle banche è stato vietato di vendere valuta estera ai propri cittadini per i prossimi sei mesi, una decisione mirata a preservare la preziosa valuta forte nel Paese.

La mossa stava solo “sottolineando ulteriormente la stretta in un mercato in cui il rublo ha chiuso a 130 dopo aver toccato brevemente 175 lunedì”, ha detto Rabobank in una nota ai clienti.

“Se fosse mantenuto nelle prossime settimane e nei prossimi mesi, (questo tasso) potrebbe vedere l’inflazione annuale russo quasi raddoppiare nei prossimi mesi”, secondo Michael Metcalfe, responsabile globale della strategia macro presso State Street Global Markets.

Nella sua nota ha affermato che ci sono stati segnali di un forte aumento dei prezzi in Russia dopo il crollo del rublo, più che nei precedenti crolli valutari.

Sebbene il mercato globale dei cambi non sia formalmente chiuso al commercio di rubli, BMO ha evidenziato che le sanzioni hanno reso la valuta “altamente illiquida”.

Che il mercato russo sia privo di liquidità lo hanno concordato anche altri analisti, sottolineando come questo sia il più grave rischio per Mosca ora.

A Milano Finanza, Fabio Caldato, partner di Olympia Wealth Management a Londra ha spiegato che, in questa situazione di un rublo proiettato a una maggiore debolezza, la Russia ha un rischio default più formale che sostanziale poiché è “ricca di materie prime e colossi energetici, la Cina può essere interessata a rilevarli a forte sconto avendo così un accesso privilegiato alle commodities.”

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.