Concorsi pubblici da 14 mila posti in arrivo: i bandi più attesi

Luna Luciano

31 Luglio 2022 - 13:28

condividi

Sono in arrivo oltre 14mila assunzioni nella Pubblica amministrazione. I nuovi concorsi saranno banditi tra 2022 e 2023. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Concorsi pubblici da 14 mila posti in arrivo: i bandi più attesi

È in arrivo una grande opportunità per chi è alla ricerca di un nuovo (o primo) lavoro. Sono infatti previste migliaia di assunzioni nel settore della Pubblica Amministrazione. I nuovi concorsi saranno quindi banditi tra il 2022 e il 2023.

Si tratta di inserimenti programmati da vari ministeri ed enti per il 2019, il 2020 e il 2021, ancora da effettuare. Con ogni probabilità i posti disponibili comprendono parte delle 11 mila assunzioni nella Pubblica amministrazione programmate dopo lo sblocco del turnover autorizzate con il Dpcm del 29 marzo 2022.

Con il nuovo Dpcm - approvato il 22 luglio 2022 - la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha infatti autorizzato a procedere all’assunzione tramite bando per la copertura di oltre 14mila nuovi posti di lavoro nel prossimo biennio presso diversi ministeri ed enti.

Data l’occasione da non lasciarsi sfuggire, pur non essendo ancora disponibili i bandi, è meglio approfondire la notizia, in modo da arrivare già preparati per quando saranno pubblicati. Ecco, quindi, tutto quello che c’è da sapere sui posti, e i requisiti.

Concorsi pubblici da 14 mila posti in arrivo: i posti

Saranno ben 14.170 in totale i posti disponibili nella Pubblica Amministrazione tra enti e diversi ministeri per il biennio 2022-2023.

Gli inserimenti riguardano in realtà varie figure, dalle posizioni dei dirigenti, ai funzionari, fino agli assistenti amministrativi, tecnici e operatori - giusto per dirne alcuni. I posti di lavoro nella Pubblica Amministrazione si rivolgono quindi sia a chi è in possesso di un diploma e a chi è in possesso della laurea. I 14.170 posti saranno quindi così ripartiti:

Ministeri

  • 28 posti al Consiglio di Stato;
  • 589 posti al ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale;
  • 1.871 posti al ministero della Cultura;
  • 1.401 posti al ministero della Giustizia, a loro volta ripartiti in: 331 unità nel Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria; 102 unità nel Dipartimento per la giustizia minorile e di comunità; 958 unità nel Dipartimento dell’organizzazione giudiziaria del personale e dei servizi;
  • 1.424 posti al ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibile;
  • 659 posti al ministero dell’Istruzione;
  • 384 posti al ministero dello Sviluppo economico;
  • 643 posti al ministero dell’Economia e delle finanze.

Enti

  • 5.990 posti all’Agenzia delle entrate;
  • 234 posti all’Inail (Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro);
  • 871 posti all’Inl (Ispettorato nazionale del lavoro);
  • 36 posti all’Act (Agenzia per la coesione territoriale);
  • 6 posti all’Anpal (Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro);
  • 15 posti all’Enac (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile);
  • 4 posti all’Accademia nazionale dei Lincei;
  • 5 posti all’Aics (Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo);
  • 9 posti al Parco Nazionale del Pollino;
  • 1 posto al Parco Nazionale della Sila.

Concorsi pubblici da 14 mila posti in arrivo: i requisti

Pur non essendo ancora stati pubblicati i bandi per l’assunzione in totale di oltre 14mila posti nella Pubblica Amministrazione è possibile ricordare quali sono i requisiti necessari per partecipare a qualsiasi concorso pubblico. Il candidato dovrà quindi essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadinanza di uno degli Stati membri dell’Unione europea;
  • età non inferiore ai 18 anni;
  • idoneità fisica all’impiego, verificata poi dalla visita medica a cui l’amministrazione sottoporrà i nuovi assunti.
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo;
  • non essere stati destituiti, dispensati o licenziati dall’impiego presso una pubblica amministrazione
  • non aver ricevuto condanne.

A questi si aggiunge poi un requisito fondamentale: il titolo di studio, che può essere un diploma di maturità o diploma di laurea a seconda del posto per cui ci si candida.

Concorsi pubblici da 14 mila posti in arrivo: la domanda

Per assumere oltre 14mila dipendenti saranno utilizzate diverse modalità, per la maggior parte delle nuove assunzioni nella Pa saranno indetti dei bandi di concorsi pubblici.

Non volendo perdere tale occasione è giusto ricordare che per partecipare alle selezioni, i candidati dovranno presentare apposita domanda di ammissione, secondo le procedure indicate nei bandi, solitamente si ha tempo fino a 30 giorni dalla pubblicazione del band per potersi candidare. Oltre ai concorsi nelle PA, si procederà allo scorrimento di graduatorie di idonei/vincitori di procedure concorsuali già espletate.