Il concerto dei Maneskin a Roma rischia di essere rinviato?

Luna Luciano

6 Luglio 2022 - 18:46

condividi

Attese oltre 70mila persone al concerto dei Maneskin a Roma. L’allarme dei medici: l’evento rischia di trasformarsi in un focolaio. I fan protestano. Ma il concerto potrebbe essere davvero rinviato?

Il concerto dei Maneskin a Roma rischia di essere rinviato?

Il concerto dei Maneskin a Roma rischia di trasformarsi in un focolaio. È questo l’allarme lanciato dagli esperti e dai sindacati dei medici di base preoccupati per il repentino aumento dei contagi.

Il concerto giunge nella Capitale proprio in un momento critico per la curva epidemiologica, che restituisce un quadro ben preciso: nella sola giornata di oggi - 6 luglio - in tutta la penisola sono stati registrati per il secondo giorno di fila oltre 100mila casi positivi (107.786 per la precisione), trainanti dalla variante Omicron 5.

Uno degli eventi più attesi dell’anno si svolgerà a Roma proprio nella settimana in cui è atteso il picco dei contagi, con il rischio - secondo gli esperti - che il concerto crei un mega cluster. È per questo motivo che sempre più medici si sono appellati alla band per rinviare il concerto al Circo Massimo, una proposta che ha scatenato la polemica sui social da parte dei fan.

E mentre nel Lazio si contano ufficialmente circa 176mila positivi, tra l’appello dei medici e la conferma della positività al Covid dell’attivista Giorgia Soleri, fidanzata del cantante Damiano David, tutti i fan si domandano se il concerto dei Maneskin a Roma rischia di essere rinviato. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Perché il concerto dei Maneskin rischia il rinvio: in aumento i contagi

Una recrudescenza dei contagi nel Lazio, specialmente a Roma, fa tremare gli esperti. Sabato 9 luglio, nella capitale si terrà a Circo Massimo il concerto dei Maneskin, dove sono attese 70 mila persone, e sempre più medici si appellano alla band affinché sia rinviata la data dell’evento.

I medici sono convinti che non sia il momento per un evento di queste dimensioni, troppo alti i numeri dei contagi, senza contare che la data del concerto coincide con la settimana in cui è atteso il picco dei contagi. Insomma, il rischio, secondo gli esperti, è che il concerto crei mega cluster.

I principali sindacati dei medici di base parlano di «rischio alto» e consigliano fortemente l’uso delle mascherine Ffp2, appellandosi alla prudenza dei fan. Come spiegato da Marco Trifogli, segretario regionale della Snami, il sindacato autonomo dei medici, i grandi eventi hanno avuto un ruolo nel boom di contagi di queste ultime due settimane nel Lazio.

Si rischia di rinviare il concerto dei Maneskin: scatta la polemica dei fan

In un’estate dalle temperature infuocate, il rischio che il concerto dei Maneskin sia rinviato incendia gli animi dei fan e scatta la polemica sui social di chi vorrebbe che il concerto venisse annullato e chi non capisce perché la richiesta sia stata posta solo alla giovane band.

Non ho capito, i concerti non li ha spostati nessuno, li devono spostare solo i Maneskin? Jovanotti continua con i suoi jova beach, Vasco Rossi si beatifica da solo per aver chiamato agli stadi 700.000 persone, il «sacrificio» spetta solo a loro?

Questi sono solo alcuni dei commenti che si possono leggere su Twitter. Ma come spiegato da Alberto Chiriatti, vicesegretario regionale della Fimmg (Federazione italiani dei medici generali), il problema non è ovviamente la band, ma “qualsiasi grande assembramento in questo momento di grande diffusioni del virus”.

Il concerto dei Maneskin a Roma rischia di essere rinviato?

E mentre la polemica infiamma i social sono ancora in molti a domandarsi se l’appello dei medici possa veramente annullare il concerto. A questo dubbio risponde Claudio Mastroianni, presidente della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit) e ordinario di Malattie infettive all’Università Sapienza di Roma: non è possibile rinviare il concerto.

Questa decisione spetta unicamente alla band e alle autorità competenti. Della stessa opinione è Antonio Magi, presidente dell’Ordine dei medici di Roma e provincia: “Non possiamo certo impedire ai ragazzi di andare al concerto, dopo due anni di pandemia che li ha costretti a lockdown e sacrifici”, ma il consiglio di indossare la mascherina Ffp2 è più che valido. Solo indossando il dispositivo di protezione si può evitare il contagio in una situazione di assembramento ad alto rischio.

Iscriviti a Money.it