Compensazione orizzontale e verticale: differenze e funzionamento

Caterina Gastaldi

8 Febbraio 2023 - 13:38

condividi

Quali sono le differenze tra compensazione orizzontale e compensazione verticale? Come funzionano entrambe?

Compensazione orizzontale e verticale: differenze e funzionamento

La compensazione fiscale, orizzontale o verticale che sia, è a tutti gli effetti una modalità alternativa per il pagamento delle imposte da parte dei contribuenti. Invece di pagare le proprie obbligazioni nel modo classico, quindi con i soldi, si possono utilizzare questi crediti (se disponibili) entro certi limiti.

La compensazione si può utilizzare in due modalità: quella orizzontale, oppure quella verticale. Entrambe hanno regole e limiti, con regole più stringenti previste per la compensazione orizzontale. Vediamo di seguito come funziona la compensazione, quali sono le differenze tra le due tipologie, e come si fa a utilizzarle.

Compensazione orizzontale e verticale: differenze

Per poter utilizzare la compensazione come modalità di pagamento del proprio debito fiscale, è fondamentale conoscerne l’utilizzo. La compensazione si suddivide in “verticale” e “orizzontale”, dove quella orizzontale ha una serie di limitazioni e obblighi in più.

Ma quali sono in pratica le differenze tra le due?

La compensazione verticale, si riferisce a quando viene utilizzato un credito fiscale per compensare (pagare) un debito della stessa natura. Per esempio, se si vogliono usare dei crediti Iva maturati nell’anno precedente per compensare un debito Iva.

La compensazione orizzontale, funziona nel modo opposto alla precedente. In pratica, si ha una compensazione orizzontale quando si usano i propri crediti per pagare debiti fiscali differenti. Per esempio, se si usa un credito Iva per pagare un debito Inps.

Come funziona la compensazione verticale

Utilizzare la compensazione verticale è semplice. In fase di compilazione della dichiarazione Iva basta inserire i dati, sia a debito sia a credito, e ottenere il risultato. Non ha particolari limitazioni o problematiche.

La compensazione orizzontale invece presenta una serie di limitazioni e regole da seguire, oltre a una serie di limiti.

Limiti compensazione orizzontale e crediti Iva

Il limite massimo di utilizzo della compensazione orizzontale è pari a 2.000.000 di euro, tuttavia ha anche un’altra serie di regole.

Più nello specifico:

  • fino a importi superiori o uguali a 5.000 euro, la compensazione si può effettuare già dal 1° giorno del periodo successivo a quello a cui si riferisce la dichiarazione, e fino alla data di presentazione della dichiarazione successiva;
  • per importi superiori ai 5.000 euro si può effettuare solo a partire dal giorno 16 del mese successivo a quello di presentazione della dichiarazione, e solo ed esclusivamente se assieme alla dichiarazione Iva è stato consegnato anche il visto di conformità apposto da personale abilitato.

Nel caso in cui il soggetto che vuole effettuare la compensazione sia una start up innovativa (quindi iscritta all’apposito registro), il limite passa da 5.000 euro a 50.000 di massimo.
La compensazione oltre i 5.000 euro può essere utilizzata previa presentazione della dichiarazione da cui emerge il credito.

Compensazione orizzontale sotto i 5000 euro

La compensazione orizzontale sotto i 5.000 euro si può considerare “libera”, indipendentemente dall’entità del credito maturato. Non è richiesta quindi la presentazione preventiva della dichiarazione.

Per il versamento del modello F24, si possono utilizzare esclusivamente i canali telematici Entratel o Fisconline dell’Agenzia delle Entrate.

Compensazione orizzontale sopra i 5000 euro

Le compensazioni orizzontali che superano la soglia dei 5.000 euro invece devono rispettare i requisiti precedenti, ovvero:

  • la presentazione preventiva della dichiarazione, non si può presentare prima del decimo giorno successivo alla presentazione della dichiarazione;
  • utilizzo esclusivamente i servizi Entratel o Fisconline dell’Agenzia delle Entrate. Il modello F24 deve essere presentato solo telematicamente;
  • sulla dichiarazione deve essere stato apposto il visto di conformità.

I modelli F24 inviati attraverso modalità diverse da quelle richieste (quindi non telematicamente o non per i canali ufficiali), o prima di quanto previsto, non saranno presi in considerazione per la compensazione orizzontale.

Presentazione modello F24

La presentazione del modello F24, sempre richiesta per la compensazione orizzontale, può avvenire in due modi:

  • direttamente da parte dell’interessato o dal sostituto d’imposta, attraverso il portale “F24 web” o “F24 online”;
  • attraverso personale abilitato, sempre online.

Il modello F24 può essere presentato solo telematicamente.

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO