Come annullare l’invio del 730/2023, istruzioni

Patrizia Del Pidio

5 Giugno 2023 - 12:07

Per un periodo limitato è possibile annullare l’invio del modello 730/2023 in caso di errori e dimenticanze. Vediamo le istruzioni per procedere all’operazione e le tempistiche per farlo.

Come annullare l’invio del 730/2023, istruzioni

Dall’ 11 maggio 2023 è possibile modificare, integrare e inviare all’Agenzia delle Entrate la propria dichiarazione 730/2023, anche in modalità digitale, inviandola direttamente dal portale dell’Agenzia. Per chi commette errori o dimenticanze in fase di invio, inoltre, è possibile anche annullare una dichiarazione precedentemente caricata e consegnata.

La scadenza per l’invio, per la precompilata e per la dichiarazione 730 ordinaria è il 30 settembre, data che nel 2023 slitta al 2 ottobre cadendo la scadenza di sabato. Ma cosa succede nel caso in cui dopo l’invio del modello ci si accorge di aver commesso degli errori?

Ovviamente il modo di intervenire in questi casi dipende molto dal momento in cui ci si rende conto dell’errore. Perchè fino 20 giugno 2023 è possibile annullare la dichiarazione già presentata e procedere, anche in un secondo tempo, ad inviarne una nuova senza errori. Va sottolineato, però, che questa operazione può essere effettuata una sola volta.

Se, invece, ci si accorge degli sbagli solo dopo questa data si può sempre provvedere a rettificare quanto trasmesso, ma le strade da seguire sono differenti.

Vediamo come procedere se ci si rende conto di aver commesso errori o dimenticanze nel 730/2023 già inviato entro il 20 giugno e come procedere all’annullamento dell’invio.

Come correggere e annullare la dichiarazione 730/2023 già inviata

Nel caso in cui ci si fosse resi conto di aver commesso degli errori nel 730/2023 dopo l’invio, è possibile annullare la presentazione digitale della dichiarazione dei redditi di quest’anno. Attenzione però: questa possibilità è valida per un’unica volta, il secondo invio non potrà essere annullato, ma si potrà comunque procedere alla correzione con modalità differenti.

Nel caso in cui ci si rendesse conto di aver commesso errori di compilazione o di non aver indicato tutti i dati necessari, è possibile agire per risolvere il problema senza incorrere in sanzioni.

Per poter annullare l’invio effettuato in modalità web è necessario rientrare nella propria area privata del portale dell’Agenzia delle Entrate e, prima di tutto, controllare che la ricevuta di invio riporti la dicitura “Elaborato”, per poi poter andare a selezionare l’opzione “Richiedi annullamento 730”.

Nel momento in cui si procede all’annullamento del modello 730/2023 verranno cancellati tutti i dati inseriti e verrà quindi anche rimosso in maniera automatica l’eventuale modello F24 per il pagamento delle imposte.

In alternativa, se ci si accorge di aver dimenticato dei dati o di averli inseriti in modo errato si può procedere con la presentazione del modello “redditi correttivo”.

È anche possibile agire in modo diverso, nel caso in cui, dopo aver inviato il modello ci si rendesse conto di aver percepito:

  • redditi soggetti a imposta sostitutiva e redditi a tassazione separata;
  • oppure plusvalenze di natura finanziaria, o anche investimenti e attività finanziarie all’estero, ovvero quelli da inserire nei quadri RM, RS, RT e RW.
    In questi casi è possibile presentare il modello “redditi aggiuntivi”, utilizzabile anche dopo il 20 giugno.

Entro quando si può annullare l’invio della dichiarazione

La data ultima per l’invio della dichiarazione dei redditi è il 2 ottobre, ma si può procedere con l’annullamento dell’invio solo fino al 20 giugno.

Si hanno quindi solo ancora pochi giorni per controllare e rettificare eventuali dubbi annullando un modello 730 già consegnato per poi procedere con la creazione e l’invio di quello corretto, per l’invio del quale non ci sono limiti temporali (se non quello di scadenza del 2 ottobre).

Cosa fare dopo aver annullato l’invio della dichiarazione

Una volta annullata la dichiarazione è necessario inviarne una seconda. Infatti nel momento in cui si decide di cliccare sull’opzione “Richiedi annullamento 730” questo verrà cancellato e considerato ancora da consegnare, e sarà quindi indicata come “omessa” nel caso in cui non dovesse pervenire entro i termini.

In questo caso diventa necessario aspettare dalle 24 alle 48 ore perché il sistema permetta di andare a caricare e modificare una nuova versione. L’annullamento comunque non va a spostare la scadenza ultima, e sarà quindi sempre obbligatorio presentare la dichiarazione entro il 2 ottobre 2023.

Come correggere la dichiarazione dopo la scadenza per annullare l’invio

Nel caso in cui si dovessero apportare correzioni dopo il 20 giugno, pur avendo già inviato la dichiarazione, si avrà comunque la possibilità di agire in questo senso, anche se non si potrà più farlo in modalità fai-da-te.

Infatti a partire dalla data del 21 giugno ci saranno due strade percorribili in caso di errori nella dichiarazione del 730:

  • ci si può rivolgere a un Caf o a un intermediario abilitato per la presentazione di un modello 730 integrativo, nel caso in cui le modifiche da integrare comportino una situazione più favorevole. La data limite in questo caso è il 25 ottobre;
  • oppure, si può inviare tramite modalità web il modello “Redditi correttivo”, fino al 30 novembre, mentre allo scadere di questa data si potrà utilizzare il modello “Redditi integrativo”.

L’invio del modello 730/2023, così come le sue correzioni e rettifiche, possono essere fatti in autonomia utilizzando il portale dell’Agenzia delle Entrate, ma è anche sempre possibile rivolgersi a un Caf o ad altre tipologie di intermediari abilitati.

Questa opzione, pur essendo a pagamento, può rivelarsi migliore per coloro che non hanno manualità nella compilazione del modello e soprattutto per evitare di perdere delle detrazioni e non rischiare eventuali sanzioni future.

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo