Cinema e teatro: quanti posti a sedere nel DPCM di ottobre

Quante persone possono contenere cinema e teatri dopo il DPCM del 13 ottobre, al chiuso e all’aperto.

Cinema e teatro: quanti posti a sedere nel DPCM di ottobre

L’ultimo DPCM di Giuseppe Conte lascia invariate le misure di prevenzione e i posti a sedere consenti nelle sale cinematografiche e nei teatri: 200 persone al chiuso e 1.000 all’aperto.

Resta in vigore il distanziamento sociale, per cui i posti a sedere sono preassegnati e ben distanziati tra loro, mentre i conviventi possono sedersi vicino come si faceva prima del coronavirus.

Il DPCM di ottobre, inoltre, ha introdotto l’obbligo di indossare la mascherina al chiuso e all’aperto (anche dove è rispettata la distanza di sicurezza) pertanto i presidi di protezione delle vie respiratoria dovrebbero essere indossati anche durante il film/spettacolo, e non solo al momento dell’ingresso e dell’uscita dalla sala.

Posti a sedere cinema e teatro e regole da rispettare

Cinema, teatri e sale concerto sono tornati in funzione da giugno scorso ma a capienza ridotta:

  • 200 persone per ciascuna sala, al chiuso;
  • 1.000 persone per spettacoli all’aperto.

L’ultimo DPCM in vigore fino al 14 novembre lascia invariate le regole precedenti:

“Le attività devono svolgersi nel rispetto dei contenuti di protocolli o linee guida idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento o in ambiti analoghi, adottati dalle Regioni o dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome nel rispetto dei principi contenuti nei protocolli o nelle linee guida nazionali e comunque in coerenza con i criteri di cui all’ allegato 10.”

Gli eventi, di qualsiasi natura, che implicano assembramenti in spazi chiusi o all’aperto sono sospesi se non è in alcun modo possibile assicurare un’adeguata distanza interpersonale.

Mascherine e distanziamento sempre obbligatori

Nelle sale cinematografiche e nei teatri (anche all’aperto) i posti a sedere devono essere pre-assegnati con prenotazione assicurando la distanza di almeno 1 metro tra le poltrone, sia frontalmente che lateralmente, fatta eccezione per i nuclei familiari e i conventi che possono sedersi l’uno accanto all’altro.

Alcuni dubbi sull’utilizzo della mascherina: prima dell’ultimo decreto, questa non era obbligatoria durante il film ma soltanto per entrare e uscire dalla sala e andare in bagno; ora invece le regole si sono irrigidite e la mascherina è diventata obbligatoria praticamente ovunque, anche al lavoro e all’aperto.

Autonomia regionale su cinema e teatri

Quanto detto non toglie che le singole Regioni, se lo ritengono opportuno, possono inasprire le regole vigenti e quindi prevedere un numero di posti inferiore a quello stabilito per decreto (200 persone al chiuso e 1.000 all’aperto). Il DPCM recita che:

“Le Regioni e le province autonome, in relazione all’andamento della situazione epidemiologica nei propri territori, possono stabilire, d’intesa con il Ministro della salute, un diverso numero massimo di spettatori in considerazione delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi.”

Bonus lavoratori dello spettacolo

In aiuto ai lavoratori dello spettacolo il dl agosto, appena convertito in legge, prevede un’indennità di 1.000 euro per gli iscritti al Fondo pensioni dello spettacolo. Qui chi può richiederlo e come.

Argomenti:

Coronavirus DPCM

Iscriviti alla newsletter

Money Stories