Chi è Nancy Pelosi: la speaker Usa a Taiwan per sostenere la democrazia

Giorgia Bonamoneta

3 Agosto 2022 - 00:12

condividi

Chi è la speaker della Camera Usa in viaggio a Taiwan? Nancy Pelosi è da poco sbarcata e le minacce da parte di Pechino non hanno tardato ad arrivare. Ecco cosa sta accadendo.

Chi è Nancy Pelosi: la speaker Usa a Taiwan per sostenere la democrazia

Nancy Pelosi è la prima speaker statunitense a viaggiare a Taiwan da 25 anni. La visita di oggi è molto più potente di allora, poiché i rapporti tra USA e Cina si sono ulteriormente deteriorati proprio per via del sostegno a Taiwan e, non troppo velatamente, alla sua autonomia. Il viaggio ufficiale di Pelosi non comprendeva la tappa di Taiwan, ma dopo diversi giorni di tentennamenti è giunta la conferma.

La visita di Nancy Pelosi crea molta tensione, tanto che il presidente cinese Xi Jiping aveva detto al presidente americano Joe Biden per telefono che “chi scherza col fuoco muore bruciato”. Da tempo il viaggio di Pelosi è stato etichettato come provocatorio, dichiarazione confermata e ribadita anche dal Governo russo che ha espresso la propria solidarietà a quello cinese. Inoltre diverse figure cinesi hanno minacciato serie conseguenze in seguito al viaggio della speaker della Camera.

Ma chi è Nancy Pelosi e perché come speaker della Camera si è recata in visita a Taiwan? Cosa sappiamo di Pelosi e della sua carriera politica?

Chi è Nancy Pelosi: biografia e carriera politica

Nancy Patricia Pelosi nasce a Baltimora il 26 marzo 1940. I genitori di Nancy sono italo-americani, originali della provincia di Isernia, nel Molise dalla parte del nonno materno e originario di Montenerodomo, piccolo centro in provincia di Chieti in Abruzzo, da parte del nonno paterno.

La famiglia di Nancy Pelosi è stata coinvolta in più di un’occasione nella politica sia come rappresentanti del Maryland al Congresso, sia come sindaco di Baltimora. Nancy Pelosi ha studiato a Washington, ma in seguito si è trasferita prima a New York e poi a San Francisco. Quando i suoi figli sono cresciuti Pelosi ha iniziato la sua carriera nella politica, facendosi largo nel partito democratico fino a diventare portavoce di questi per la California settentrionale.

Dopo le proteste di piazza Tienanmen nel 1989 Pelosi si avvicinò al Movimento democratico cinese in aperta critica con la Repubblica popolare cinese. Questa opinione ancora oggi rende i rapporti e le conseguenze della visita di Pelosi a Taiwan fonte di tensione.

Nel 2007 fu la prima donna presidente a presiedere la seduta comune del Congresso e nel 2019, dopo la vittoria e la riconquista del controllo sulla Camera dei rappresentanti, venne eletta speaker della Camera. il 3 gennaio 2021 le è stato riconfermato per la quarta volta il ruolo di speaker.

La visita di Nancy pelosi a Taiwan eliminazione della Cina: cosa sta accadendo

Nancy Pelosi è giunta a Taiwan nonostante le minacce e le critiche da parte di Pechino. La Cina ha infatti risposto inviando i suoi jet nello stretto e annunciando manovre militari, come si legge sull’Ansa. Continua la critica alla “provocazione” americana, mentre in televisione sta passando la notizia della presunta “violazione del principio della Unica Cina”.

Da parte sua Nancy Pelosi ha dichiarato il proprio viaggio come un impegno dell’America nel sostenere la vivace democrazia taiwanese. Accolta con calore all’aeroporto, la speaker della Camera incontrerà domani in mattinata la presidente Tsai Ing-wen.

A tale provocazione, come è stata definita da Cina e da Russia, Pechino potrebbe rispondere in diversi modi. Secondo alcuni esperti di politica cinese è da escludere l’intervento militare. Dopotutto la Cina si trova a contrastare i problemi più urgenti come la crisi economica e quella del mercato immobiliare. Non mancheranno però azioni simboliche, come quella del passaggio di jet sull’isola di Taiwan e nello stretto, come anche azioni dai toni più aggressivi come i test missilistici. Un’altra possibilità è quella di ritorsioni commerciali. Nella giornata di oggi infatti è stato annunciato che la Repubblica popolare cinese ha vietato l’importazione di oltre 100 prodotti alimentari provenienti da Taiwan, comprese marche piuttosto popolari.

Argomenti

# Taiwan

Iscriviti a Money.it