Cautela a Piazza Affari guardando a Davos: cosa fare nel Portafoglio del Martedì

Claudia Cervi

17 Gennaio 2023 - 09:36

condividi

Nell’edizione 2023 del World Economic Forum di Davos si parla di inflazione e recessione. Vediamo nel dettaglio le attese per Piazza Affari e come investire con i Turbo Certificates di UniCredit.

Cautela a Piazza Affari guardando a Davos: cosa fare nel Portafoglio del Martedì

Piazza Affari rallenta la corsa di inizio 2023 e guarda con cautela a Davos, nelle Alpi svizzere, dove si sta svolgendo il World Economic Forum. Un’edizione, quella del 2023, «densa di conseguenze e in un momento storico cruciale», come osservato da Klaus Schwab, fondatore e direttore esecutivo del forum.

Tante le tematiche affrontate al simposio, dalla crisi geopolitica a quella energetica e climatica, dall’elevata e persistente inflazione alla bassa crescita dell’economia e al peso del debito. I riflettori sono dunque puntati sugli interventi di Centeno, Villeroy, Knot, von der Leyen e soprattutto di Christine Lagarde, numero uno della Bce, che parlerà venerdì a un panel insieme alla presidente del Fmi, Kristalina Georgieva. La speranza di trader e investitori è quella di ricavare dalle parole degli economisti informazioni utili sull’andamento del mercato.

Dalle anticipazioni dell’outlook dei capoeconomisti del WEF, la minaccia della recessione, la crisi del costo della vita e i timori per un’incapacità di gestire il debito guideranno le prospettive per i prossimi due anni.

Anche oltre Oceano, in vista di una recessione (seppur lieve), le più grandi banche mondiali stanno accantonando circa 3 miliardi di dollari per crediti inesigibili (non performing loans).

Alla luce di queste prospettive, vediamo ora come operare con i Turbo Certificates di UniCredit nel nostro Portafoglio del Martedì, valutando l’uscita in profitto dalle operazioni attive.

Segnalazioni Segnalazioni Aggiornato al 17012023

Portafoglio di investimento: la situazione generale

Oltre alle indicazioni da Davos, in settimana è atteso anche l’aggiornamento dei dati sull’inflazione in Italia, Germania e nell’Eurozona, da cui si attendono degli indizi che le pressioni sui prezzi al consumo siano ormai vicine al picco.

Secondo DBRS Morningstar l’inflazione resterà comunque elevata nel corso del 2023 nonostante alcuni segnali di rallentamento, a causa del proseguimento della guerra in Ucraina e dell’acuirsi di tensioni tra Stati Uniti e Cina. Tuttavia per le banche europee le prospettive sono positive e l’aumento del margine di interesse netto compenserà l’aumento del rischio di credito dovuto al rallentamento economico.

Nel breve termine occorre però valutare l’eventuale presenza di segnali di eccesso per individuare possibili ostacoli al proseguimento del rialzo dei titoli bancari che abbiamo in portafoglio.

Un altro termometro del mercato è definito dallo spread, attualmente a 183 pb, in calo rispetto alla scorsa settimana e comunque all’interno di un trend ribassista. La flessione dei rendimenti ha favorito il settore utility e in particolare A2a, titolo che abbiamo inserito nel nostro portafoglio.

Con un mix di ansia e velato ottimismo, il mercato azionario attende le prossime mosse di politica monetaria.

Portafoglio del Martedì: le operazioni di oggi

Nell’ultima settimana le operazioni attive nel nostro portafoglio:
A2a, long
Bper Banca, long
hanno accelerato al rialzo spingendo in zona di ipercomprato i principali oscillatori grafici.
Valutiamo dunque l’uscita dai deal in profitto, in vista di un possibile aumento di volatilità dovuto agli eventi macroeconomici in agenda questa settimana: ricordiamo che oltre a WEF di Davos c’è molta attesa per la riunione della Bank of Japan. Pertanto il nostro portafoglio oggi diventa flat, con un rendimento positivo del 29,65%.

Ingressi Ingressi Aggiornati al 17012023

Ci troviamo costretti a cancellare l’investimento su Leonardo (da sempre, dopo due settimane, un investimento che non raggiunge il punto di ingresso viene cancellato).

Rendimento operazioni Rendimento operazioni Aggiornato al 17012023

Il deal su A2a aperto il 15 novembre 2022 dal prezzo di 1,305 euro con uscita in area 1,3920 ci porta un profitto di circa il 19,5%.
Per l’investimento su A2a abbiamo utilizzato un Turbo Open End emesso da UniCredit con codice Isin DE000HV4D3P0.

Grafico settimanale A2a Grafico settimanale A2a Fonte TeleTrader

Azioni A2a, grafico giornaliero. Fonte: TeleTrader

Operazione flash quella su BPER Banca, entrata l’11 gennaio a 2,13 euro. Il rally delle ultime sedute ci porta verso il target, ma la presenza in area 2,25 del lato superiore del canale disegnato da luglio 2022 ci induce a uscire con un profitto di oltre il 22%.

Per investire sul titolo abbiamo utilizzato un Turbo Open End con codice Isin DE000HC0ZZQ8.

Grafico giornaliero Bper Banca Grafico giornaliero Bper Banca Fonte TeleTrader

Azioni BPER Banca, grafico giornaliero. Fonte: TeleTrader

Rendimento portafoglio Rendimento portafoglio Aggiornato al 17012022
Situazione portafoglio Situazione portafoglio Aggiornata al 17012022

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it