Certificati: premi trimestrali fino al 6,4% con i nuovi Cash Collect

Ufficio Studi Money.it

10 Dicembre 2020 - 10:46

10 Dicembre 2020 - 16:46

condividi
Facebook
twitter whatsapp

UniCredit Bank ha emesso una nuova serie di Certificati che garantiscono premi condizionati trimestrali con effetto memoria compresi tra il 2,3 ed il 6,4 per cento.

Certificati: premi trimestrali fino al 6,4% con i nuovi Cash Collect

Sottostanti rappresentati da panieri composti da due o tre azioni italiane ed internazionali, scadenza a 3 anni e premi trimestrali con effetto memoria compresi tra il 2,3% ed il 6,4%.

Queste le caratteristiche fondamentali dei nuovi Memory Cash Collect Worst Of Certificate emessi da UniCredit Bank AG.

I nuovi Memory Cash Collect Worst Of Certificate si aggiungono agli oltre 250 Certificate di investimento offerti da UniCredit e quotati sui mercati regolamentati di Borsa Italiana (SeDeX ed EuroTLX).

Caratteristiche di questi nuovi Certificati

I Cash Collect Worst Of Certificate permettono agli investitori di ricevere premi periodici nel caso in cui il valore dell’azione sottostante con la performance peggiore all’interno del paniere (la caratteristica Worst-Of), nelle date di osservazione trimestrali registri un valore superiore al livello della Barriera, posto per questa emissione tra il 60% e il 70% del valore iniziale.

Grazie all’effetto memoria, i premi eventualmente non corrisposti non vengono persi ma saranno pagati se, in una delle successive date di osservazione, la condizione del pagamento sarà soddisfatta.

Inoltre, a partire dal 6° mese, i Certificate offrono la possibilità di rimborso anticipato nel caso in cui il valore dell’azione sottostante con la performance peggiore all’interno del paniere raggiunga un valore superiore a quello iniziale.

In questo caso, l’investitore riceverà un importo pari al valore nominale (100 euro) più il premio.

I sottostanti sono rappresentati dai big di Piazza Affari (tra cui Leonardo, FCA, Eni, Intesa Sanpaolo, Enel, ecc.), da colossi europei (Suez, Edf, Renault, Daimler, BMW, per fare qualche esempio, ), dalle grandi corporation statunitensi (Tesla, McDonald’s, Netflix, Amazon, Google, Pfizer tra le altre) e cinesi (Baidu, Alibaba, ecc.).

Certificati: cosa succede a scadenza

Qualora il Certificate non sia stato rimborsato anticipatamente, a scadenza, fissata per il dicembre 2023, sono due i possibili scenari per l’investitore:

  • se l’azione sottostante con la performance peggiore all’interno del paniere ha un valore pari o superiore al valore della Barriera, il Certificate rimborsa 100 € oltre al premio;
  • se l’azione sottostante con la performance peggiore all’interno del paniere ha un valore inferiore al livello della Barriera, il Certificate rimborsa un importo proporzionale all’andamento dell’azione sottostante, facente parte del paniere, con la performance peggiore (<70 € nel caso della Barriera posta al 70% e <60 € nel caso della Barriera posta al 60%).

Maggiori informazioni sono disponibili all’indirizzo www.investimenti.unicredit.it.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories