Case green, arriva il primo stop alle trattative

Nadia Pascale

30 Giugno 2023 - 13:52

La direttiva Case green rallenta la sua corsa. Dopo mesi frenetici che hanno fatto tremare tanti proprietari arriva lo stop alle trattative.

Case green, arriva il primo stop alle trattative

A che punto è la trattativa sulla direttiva Case green che tanto preoccupa gli italiani?
Per ora ferma, infatti arriva la pausa estiva in anticipo. Questo implica che lo stop alle trattative concederà qualche mese di tempo ai Paesi per cercare di capire quali proposte di modifiche al testo portare avanti.

Vediamo quali sono i nodi cruciali e quali sono i tempi di stop alle trattative.

Direttiva Case Green, a che punto sono i lavori?

Quella che comunemente denominiamo Direttiva Case green, in realtà ha un nome più tecnico, si tratta Energy performance of buildings directive (EPBD), cioè la direttiva sulle prestazioni energetiche degli immobili.

La direttiva Case Green mira alla decarbonizzazione del patrimonio immobiliare e quindi ad abbattere i consumi di fonti energetiche fossili, come il gas, per la produzione di energia elettrica per le costruzioni e per il riscaldamento e raffreddamento degli ambienti.

Questo implica al necessità di abbattere i consumi energetici e per i residui utilizzare fonti alternative rispetto alle fonti fossili, quindi prevalentemente solare/fotovoltaico ed eolico che nel tempo possono portare un notevole risparmio in bolletta, ma nel breve termine rappresentano una spesa importante.

L’ultimo passo verso l’approvazione della direttiva Case Green è stato fatto il 14 marzo 2023 con l’approvazione del testo da parte del Parlamento europeo. Passata questa fase, il 6 giugno 2023 vi è stato l’avvio della discussione tra Commissione, Parlamento e Consiglio. Questa parte dei lavori viene anche denominata «trattativa».

In questa fase sono particolarmente coinvolti i governi dei Paesi membri che possono produrre osservazioni. Tra i Paesi più critici nei confronti della direttiva c’è l’Italia che vanta un patrimonio immobiliare abbastanza vetusto, numerosi edifici storici.
Questo implica che gli italiani potrebbero ricevere una versa stangata dall’approvazione della Direttiva Case Green nel testo attualmente previsto.

Il problema non sorge tanto per le nuove costruzioni, in quanto i proprietari generalmente adottano per questi edifici strategie volte al risparmio energetico, ma per gli edifici già esistenti.
Per questo infatti è previsto:
se edifici residenziali

  • entro il 2030 il raggiungimento almeno della Classe Energetica “E”
  • entro il 2033 il raggiungimento della Classe Energetica “D”.

In caso di edifici non residenziali e pubblici i termini sono ridotti:

Tabella di marcia per i lavori

La direttiva Case green prevede che i Paesi agiscano prioritariamente sul 15% degli edifici che si trovano in classe energetica G. Per l’Italia si tratta di circa 1,8 milioni di edifici sui 12 mln totali, a ciò deve aggiungersi che, in base alle stime, il 74% degli edifici italiani deve essere adeguato e le fasce di popolazione con redditi inferiori, che generalmente vivono negli edifici più vetusti devono essere economicamente aiutati ad affrontare i costi.

In questa situazione molto difficile si inseriscono i problemi di chi ha già provato a ristrutturare con criteri di efficientamento energetico, ma si è scontrato con il blocco della cessione del credito e con le nuove norme previste per i bonus edilizi che prevedono la necessità per i proprietari di anticipare i soldi per i lavori e poi richiedere le detrazioni fiscali. Sono poche infatti le deroghe a questo principio.

Case green: quando cessa lo stop alle trattative?

Le trattative per le modifiche alla direttiva Case green riprendono ufficialmente il 31 agosto 2023, si tratta quindi di una lunga pausa.

A questo deve aggiungersi che il diritto dell’Unione Europea non prevede un termine per questa fase, cioè non è previsto che, ad esempio, le trattative durino massimo 60 giorni. Di conseguenza molto dipenderà dalle reciproche concessioni che i Paesi proveranno a farsi.

Iscriviti a Money.it

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo