Caos rete unica: Telecom affonda in Borsa

Violetta Silvestri

19 Marzo 2021 - 14:10

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Seduta pessima per le azioni Telecom: l’affondo è di oltre il 5%. Cosa sta succedendo sul fronte rete unica?

Caos rete unica: Telecom affonda in Borsa

La rete unica getta Telecom nel baratro: le azioni affondano con picchi anche del 6% e il titolo subisce anche una sospensione per eccesso di ribasso in apertura a Piazza Affari.

Cosa sta succedendo sul fronte della banda larga e del progetto societario che deve guidarla? In apparenza ancora nulla, ma gli incroci di indiscrezioni e affermazioni ministeriali hanno spinto Telecom nell’affondo.

La società viaggia, quindi, altalenante, dopo i rialzi a Milano di ieri, 18 marzo, sulla scia delle parole di Giorgetti sull’accelerazione del piano rete unica.

Ora, però, è piombata l’incertezza e le azioni Telecom, alle ore 14.07 stanno perdendo il 6,03%.

Telecom in caduta libera sul caos rete unica

Seduta pesante per Telecom a Piazza Affari: il titolo reagisce nel peggiore dei modi alle parole di Colao e alle indicazioni di Enel sulla questione cessione Open Fiber (40-50%), necessaria per creare la nuova società.

Il progetto rete unica finisce nel caos e Tim legge nelle dichiarazioni di Starace (Enel) e Colao parole non rassicuranti su una definizione nel breve tempo di un piano favorevole a Telecom.

Nello specifico, sul fronte Enel è trapelato che il 40-50% di Open Fiber (che con FiberCop di Telecom dovrebbe dar vita alla nuova realtà) sarà ceduta entro un anno. Il fondo Macquarie e CDP sono in prima linea per la partecipazione, ma i tempi restano lunghi e non rispondono ai desiderata di Tim di vedere nascere la società per la rete unica a giugno.

Le azioni Telecom, dinanzi a tali prospettive, sono quindi crollate in modo eccezionale.

Le ultime parole di Giorgetti sono del 19 marzo e ricordano che il Governo non accetterà ulteriori slittamenti e incertezze sul progetto:

“Il progetto societario di rete unica ha avuto dei ritardi, se va in porto rapidamente e offre risposte efficienti a queste esigenze è sicuramente una cosa accettabile ma se invece è qualche cosa che ostacola, rallenta o impedisce il raggiungimento di questi obiettivi diventa un problema”

Tradotto: si potrebbe trovare una nuova soluzione.

Proprio ieri, tra l’altro, il ministro per l’Innovazione Colao ha lasciato intendere un potenziale piano B sulla questione. Il neo ministro del Governo Draghi ha parlato di “esigenza che si arrivi nel più breve tempo possibile ad una soluzione che garantisca una rapida ripresa di cablatura e/o di copertura radio delle zone interessate.”

E poi ha accennato a un piano B che è spingere su 5G e fwa e favorire aggregazioni commerciali e tecniche in grado di superare l’impasse.

Aggiungendo a tali esternazioni quelle di Giorgetti sul disaccordo a creare un monopolio privato, soprattutto se in mani straniere (riferimento a Vivendi, maggiore azionista Telecom), si spiegano i nervosismo in Borsa del titolo.

In gioco c’è il controllo della società che si occuperà della rete unica. Cosa accadrà?

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories