Cambiamenti climatici, Cina ed Europa inquinano meno ma le emissioni globali segnano un record

14 Novembre 2022 - 16:30

14 Novembre 2022 - 16:53

condividi

Un rapporto presentato alla Cop27 avverte che abbiamo solo 9 anni per invertire il riscaldamento globale, ma esistono soluzioni come mostrato da Cina ed Europa.

Cambiamenti climatici, Cina ed Europa inquinano meno ma le emissioni globali segnano un record

Il 2022 è stato un anno record per emissioni globali di carbonio. La crisi energetica causata dalla guerra in Ucraina e la ripresa dalla pandemia di Covid hanno aumentato radicalmente la nostra impronta di carbonio. Alcuni Paesi hanno fatto meglio, altri molto peggio.

Sorprendentemente, la Cina è tra i Paesi che hanno ridotto le emissioni nel 2022. L’inquinamento proveniente dalla Cina è stato ridotto del 0,9%, probabilmente a causa della loro politica zero Covid e delle continue restrizioni. La Cina, tuttavia, è anche uno dei Paesi leader per energia nucleare. Attualmente, ci sono 50 reattori nucleari attivi in Cina, che producono 48GW all’anno.

L’obiettivo di Pechino, tuttavia, è raggiungere i 160 GW entro il 2030, un dieci volte espansione in meno di un decennio. Entro il 2040, l’energia nucleare in Cina dovrebbe produrre 240 GW di energia all’anno, e questo se non verranno proposti nuovi reattori. In effetti, questa espansione è già dettagliata e pianificata: 56 nuovi reattori sono in costruzione e altri 228 sono stati proposti.

L’Europa ha ridotto eccessivamente le emissioni di carbonio nel 2022. Il suo 0,8% di riduzione, pertanto, potrebbe essere bilanciato negativamente il prossimo anno con l’inizio della crisi energetica. La Germania, ad esempio, già ha annunciato l’espansione della sua industria di carbone e la chiusura definitiva delle sue centrali nucleari nel 2023. Altre nazioni europee, tuttavia, stanno espandendo la loro rete energetica rinnovabile, quindi anche il 2023 potrebbe vedere una riduzione.

Non abbiamo molto tempo

Nonostante gli impatti positivi della Cina e dell’Europa, letteralmente ogni altra nazione sulla Terra ha fatto peggio. Il 2022 è stato un anno record per le emissioni, superando il 2019, ed è principalmente dovuto all’impronta degli Usa e dell’India.

Gli Stati Uniti hanno aumentato le loro emissioni del 1,5% quest’anno, probabilmente in un rimbalzo dopo la pandemia di Covid. L’India, d’altra parte, ha inquinato uno straordinario 6% in più rispetto al 2021. L’India è un Paese che sta attraversando un importante processo di industrializzazione e, nonostante il suo piccolo programma nucleare e rinnovabile, fa ancora affidamento su petrolio e carbone.

In particolare, l’India importa gran parte del suo petrolio dalla Russia e in realtà ha beneficiato economicamente della crisi energetica in Europa. Dopo la chiusura del mercato europeo per Mosca, ha iniziato a cercare nuovi posti dove vendere il proprio petrolio. India e Cina erano entrambe molto desiderose di accettare la proposta della Russia.

Tutti questi dati sono arrivati in un rapporto firmato da più di 100 scienziati. Presentato alla Cop27 in Egitto, mostra che abbiamo molto meno tempo di quanto pensassimo.

Negli accordi di Parigi le principali economie si sono impegnate a non raggiungere un riscaldamento globale di 1,5° sopra livelli preindustriali. Al momento, siamo di circa 1,1° sopra e il rapporto mostra che abbiamo solo 9 anni per invertire la tendenza.

Se continuiamo con questi livelli di emissioni, raggiungeremo 1,5° intorno al 2031, afferma il rapporto. Un’emergenza globale che possiamo e dobbiamo combattere. Il rapporto richiedeva maggiori investimenti nelle energie rinnovabili e nella riforestazione, che rientrano entrambi completamente nel nostro ambito.

Un barlume di speranza è sorto quando il nuovo presidente del Brasile Lula ha chiesto «un’Opec dei Paesi della foresta pluviale» per salvare le foreste più grandi del nostro pianeta. E con la Cina e altre grandi economie che stanno aumentando i loro programmi nucleari, possiamo forse pensare a un pianeta migliore per noi stessi. Ma le azioni devono continuare.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2022-11-11 19:01:48. Titolo originale: Climate Change: China and Europe pollute less but Global Emissions reach records

Iscriviti a Money.it