Bonus gomme: 200 euro per l’acquisto di pneumatici nuovi per auto

Marco Lasala

21 Marzo 2022 - 17:39

condividi

Al fine d’incentivare l’acquisto di pneumatici di classe A o B e ridurre così le emissioni di CO2 (minore resistenza al rotolamento) nel DL Energia è stato proposto un bonus gomme di 200 euro.

È stata inserita nel DL Energia una proposta che prevede un bonus gomme per l’acquisto di pneumatici nuovi con classe A o B. Un buono utilizzabile esclusivamente per acquistare pneumatici etichettati A e B destinato al trasporto su strada e atto a ridurre ulteriormente le emissioni di CO2.

A seguito del consistente aumento del prezzo dei carburanti, per accrescere la sicurezza del parco auto circolante, il bonus gomme è stato inserito all’interno di un fondo di 20 milioni di Euro destinato alla concessione, fino a esaurimento, per l’acquisto di quattro pneumatici di classe C.

L’art. 22-bis al comma 3 (Emendamenti DL Energia) prevede che i buoni non siano cedibili, non rientrano nel reddito imponibile del beneficiario e sono spendibili entro il 31 dicembre 2022.

Bonus gomme: come funziona?

Acquistando quattro pneumatici di classe A o B, il rivenditore specializzato (gommista) emettendo fattura o scontrino fiscale, può richiedere entro centoventi giorni dalla data di emissione del documento fiscale di riferimento, il rimborso del valore del buono fruito dall’utente.

Una proposta di legge che se approvata contribuirebbe a diminuire sensibilmente le emissioni di CO2 derivanti da pneumatici obsoleti, minore resistenza al rotolamento, maggiore efficienza della vettura, minor dispendio di carburante.

Questo emendamento si rivolge ai nuovi pneumatici di Classe C1 destinati ai veicoli appartenenti alla categoria M1 (trasporto fino a otto passeggeri oltre al conducente).

Una gomma di categoria A e B consente di risparmiare, rispetto a un pneumatico di pari sezione e diametro di categoria E, dal 5 al 7% di carburante, con spazi di frenata ridotti fino al 30%.

Nel DL Energia oltre al bonus gomme tante altre novità

Sono diverse le misure contenute in un emendamento firmato dalla Lega, Forza Italia e 5 Stelle che potrebbe essere approvato a distanza di un decennio dall’entrata in vigore della prima etichettatura di pneumatici.

A partire dal 1 maggio 2021 è entrata in vigore una nuova etichettatura degli pneumatici (Reg. UE 2020/740) dove viene ulteriormente evidenziata l’efficienza di ogni gomma.

Sulla nuova etichettatura è presente un QR Code che consente all’automobilista di accedere direttamente al database europeo “European Product Registry for Energy Labelling” al fine di ottenere informazioni ancora più dettagliate sul pneumatico che sta acquistando.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti a Money.it