Bonus 80 e 100 euro: recupero nel modello 730/2021 per chi non l’ha ricevuto

Anna Maria D’Andrea

18 Giugno 2021 - 17:09

condividi

Bonus 80 e 100 euro, recupero nel modello 730/2021 per chi non ha ricevuto l’importo in busta paga. Ecco le istruzioni e i requisiti richiesti.

Bonus 80 e 100 euro: recupero nel modello 730/2021 per chi non l'ha ricevuto

Bonus 80 e 100 euro non ricevuto? Si recupera nel modello 730/2021.

La dichiarazione dei redditi rappresenta il momento in cui il contribuente calcola effettivamente le imposte dovute, così come i bonus e le detrazioni fiscali spettanti. Nel modello 730 entra quindi anche il recupero del bonus Irpef non erogato dal datore di lavoro.

A dover recuperare il bonus di 80 e 100 euro nel modello 730/2021 sono innanzitutto i lavoratori il cui datore di lavoro non riveste la qualifica di sostituto d’imposta: si tratta nello specifico di colf, badanti e baby sitter.

Non solo: anche chi ha chiesto di non ricevere il bonus mensilmente in busta paga può recuperare l’importo spettante.

Facciamo quindi il punto sulle istruzioni per la compilazione del modello 730 e sui requisiti richiesti.

Bonus 80 e 100 euro: recupero nel modello 730/2021 per chi non l’ha ricevuto

È la Sezione V del quadro C del modello 730/2021 lo spazio dedicato al bonus di 80 e 100 euro. Qui sarà necessario indicare i dati riportati nella Certificazione Unica, al fine di recuperare l’importo non ricevuto mensilmente in busta paga, fino ad un massimo ai 1.080 euro.

Il recupero del bonus per la riduzione del cuneo fiscale fa i conti con il restyling all’agevolazione, e con la “staffetta” tra l’ormai ex bonus Renzi e il nuovo e più inclusivo bonus per il taglio al cuneo fiscale.

Fino al 30 giugno 2020 il bonus Renzi di 80 euro era riconosciuto ai titolari di redditi da lavoro dipendente fino a 26.600 euro. L’importo massimo spettante era pari a 960 euro annui fino a 24.600 euro e decresceva fino ad azzerarsi una volta superata tale soglia e fino a 26.600 euro.

Dal 1° luglio 2020 ha fatto il suo debutto il nuovo bonus Irpef, con un meccanismo più articolato:

  • l’importo riconosciuto ammonta ad un totale di 600 euro (1.200 euro a partire dal 2021) per i lavoratori con redditi fino a 28.000 euro;
  • sopra tale soglia e fino al limite di 35.000 euro di reddito spetta un’ulteriore detrazione da 600 a 480 euro;
  • superati i 35.000 euro di reddito, l’importo riconosciuto parte da 480 euro e decresce fino ad azzerarsi una volta raggiunta la soglia dei 40.000 euro.

Sono questi i parametri da considerare ai fini del recupero del bonus Irpef nel modello 730/2021, qualora l’importo non sia stato riconosciuto mensilmente in busta paga dal datore di lavoro, ma anche in caso di restituzione, se la somma erogata dovesse risultare in tutto o in parte non spettante.

Si ricorda in ogni caso che non ne hanno diritto gli incapienti, ossia i contribuenti con redditi esenti Irpef in quanto non superiori all’importo di 8.174 euro.

Bonus 80 e 100 euro nel modello 730/2021: due campi diversi per il recupero

Si dividono le strade per il recupero delle somme spettanti. Al rigo C14 del modello 730/2021, Riduzione pressione fiscale, bisognerà compilare:

  • la colonna 1, per quel che riguarda il bonus Irpef di 80 euro riconosciuto fino al 30 giugno 2020;
  • la colonna 3, per il nuovo bonus di 100 euro introdotto dal 1° luglio.

In ambedue i casi, per il recupero dell’agevolazione in dichiarazione dei redditi bisognerà controllare quanto indicato nella Certificazione Unica, e riportare il codice indicato nel punto 391 o 400.

Se il datore di lavoro non ha riconosciuto il bonus di 80 e 100 euro, sarà inserito il codice 2, che dovrà quindi essere riportato nella colonna 1 e 3 del rigo C14.

Il calcolo del bonus spettante sarà effettuato da chi presta l’assistenza fiscale, salvo nei casi di invio fai-da-te del modello 730/2021 precompilato. Al contribuente, dopo aver effettuato il calcolo delle imposte, è rilasciato il modello 730-3, che evidenzierà la presenza di un credito o un debito Irpef.

Se non risultano dovute imposte, il recupero del bonus da 80 e 100 euro consentirà al contribuente di ricevere fino a 1.000 euro circa di rimborso, a partire dal mese di luglio o ad ultimo entro il mese di ottobre.

Iscriviti a Money.it