Bollo auto, occhio alla bufala: cosa (non) succede il 31 ottobre

Giorgia Bonamoneta

05/06/2022

06/06/2022 - 11:56

condividi

Dal 31 ottobre 2022 non si pagherà più il bollo auto? Falso, si tratta di una bufala. Ecco chi deve continuare a pagare il bollo, chi è esonerato e perché.

Bollo auto, occhio alla bufala: cosa (non) succede il 31 ottobre

Attenzione al bollo auto. In rete sta circolando da alcuni giorni la notizia che dal 31 ottobre 2022 non sarà più necessario pagare il bollo della propria auto o del proprio mezzo, ma è una bufala. La notizia titola “Addio al bollo auto dal 31 ottobre” e fa riferimento a una data vecchia del 2021, quando è stato deciso lo stralcio di tutte le cartelle esattoriali non pagate risalenti al periodo di tempo 2000 al 2010 entro determinati parametri.

Occhio quindi alla bufala: il bollo auto deve essere pagato entro i tempi stabiliti - cioè entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di scadenza della tassa ​precedente o si rischia l’aumento dell’importo. Con un ritardo tra i 30 e i 90 giorni si paga il bollo auto con un importo sanzionale dell’1,67% in più, mentre dopo i tre mesi ed entro un anno dalla scadenza ammonterà al 3,75% in più rispetto all’imposta originaria.

Al momento le uniche categorie esentate dal pagamento della tassa sulla proprietà dell’auto sono i possessori di auto immatricolate da più di trent’anni, le persone disabili e i loro caregiver. Inoltre, in molte regioni d’Italia si sta incrementando lo sconto o la completa esenzione per i possessori di nuovi veicoli elettrici o ibridi.

Bollo auto 2022: le regole non cambiano, si deve pagare

Nessun cambiamento in vista per il 2022: il bollo auto si deve pagare. La notizia che sta circolando in questi giorni potrebbe aver illuso molti italiani, ma purtroppo non ci sono conferme di quanto scritto. Non è prevista nessuna cancellazione della tassa automobilistica o bollo auto a partire dal 31 ottobre 2022.

La notizia bufala titolava così:

Addio al bollo auto dal 31 ottobre

In realtà non è neanche del tutto una fake news, semplicemente non è corretta la data. Infatti tale notizia era valida lo scorso anno, quando il governo Draghi, con il decreto Sostegni aveva cancellato tutti i carichi pendenti per il periodo tra il 2000 e il 2010.

Bollo auto 2022: chi non deve pagarlo

Si può essere esentati dal pagamento del bollo auto, ma non è per tutti. Si tratta di iniziative limitate a determinate categorie o a un determinato periodo di tempo. Spesso queste agevolazioni possono variare da regione a regione. Basta pensare a chi possiede un’auto elettrica o ibrida. In alcune regioni, come la Lombardia o il Lazio, chi ha acquistato un’auto benzina/gpl o benzina/metano, ibrida e a benzina o elettrica è esonerato dal pagamento per un periodo di tempo che varia da 3 a 5 anni.

Chi invece è esentato dal pagamento senza limiti di tempo sono:

  • chi ha un veicolo storico ultratrentennale non a uso professionale o registrato presso l’ASI, FMI, Storico Fiat, Lancia e Alfa Romeo;
  • le persone disabili con dichiarata disabilità ai sensi della legge 104/92, per una sola auto di cilindrata non superiore a 2000 cc (per benzina, gpl, metano) o a 2800 cc (diesel) intestata o alla persona disabile o al soggetto che se ne fa fiscalmente carico.

Ci sono poi molte altre circostanze possibili di esenzione totale o parziale del pagamento del bollo auto, ne abbiamo parlato in un altro articolo, con tanto di lista di tutti i veicoli e i proprietari esonerati.

Iscriviti a Money.it