Il Belgio ritarderà l’eliminazione graduale del nucleare. L’Europa sta comprendendo i vantaggi del nucleare?

11 Gennaio 2023 - 14:17

condividi

Due dei reattori del Belgio saranno mantenuti attivi almeno fino al 2036 dal governo belga. Ecco perché l’energia nucleare è una buona scelta per il mix energetico.

Il Belgio ritarderà l'eliminazione graduale del nucleare. L'Europa sta comprendendo i vantaggi del nucleare?

Mentre la crisi energetica si placa con le temperature calde dell’inizio del 2023, un altro Paese europeo torna sui propri piani di denuclearizzazione. Il Belgio, una piccola nazione tra Germania, Francia e Paesi Bassi, avrebbe dovuto chiudere tutte le sue centrali nucleari entro il 2025.

Martedì, tuttavia, è stato confermato dal primo ministro belga che l’eliminazione graduale sarà ritardata di 10 anni. I due reattori nucleari più recenti, che forniscono 2GW di energia al Paese, rimarranno collegati alla rete almeno fino al 2036.

Il Belgio ha iniziato l’eliminazione graduale del nucleare nel 2003, spegnendo un’intera centrale elettrica e un reattore entro il 2022. Nel 2016, l’energia nucleare rappresentava ancora la metà della produzione di energia nel Paese.

In totale, il Belgio era in grado di far funzionare sette reattori prima dell’eliminazione graduale. Dal 2026 ne rimarranno attivi solo due.

Il motivo è lo stesso per cui la Germania ha attuato un simile ritardo: la sicurezza energetica.

«Il Belgio è ben protetto per i prossimi inverni», ha dichiarato il primo ministro belga Alexander de Croo. «Oggi siamo un esportatore di energia, e così sarà anche per i prossimi inverni. I centri decisionali non erano più in Belgio [e con l’accordo di oggi] il nostro Paese riprende il controllo di un elemento molto importante del suo approvvigionamento energetico».

La guerra in Ucraina e la guerra energetica

All’inizio di questo ritardo c’è, ovviamente, la guerra in Ucraina. Quando la Russia ha invaso il paese nel febbraio 2022, l’Europa è subito balzata a sostegno dell’Ucraina e il Belgio non ha fatto eccezione.

Ciò significava, tuttavia, che la Russia avrebbe interrotto la fornitura di energia all’Europa, inclusi gas e petrolio. Nonostante la paura iniziale, l’Europa si è fermata e ha continuato a sostenere l’Ucraina, che ha portato a un arresto completo delle esportazioni russe di petrolio e (possibilmente) gas.

La crisi energetica causata dalla guerra ha fatto sì che Paesi come Germania e Belgio ripensassero completamente le loro strategie. Negli ultimi due decenni, entrambi sono stati alcuni dei più grandi sostenitori delle energie verdi, disattivando allo stesso tempo le loro centrali nucleari.

Timori irrazionali di incidenti come Chernobyl e dello smaltimento dei rifiuti hanno reso i governi diffidenti nei confronti dell’energia nucleare.

In realtà, il nucleare è l’energia più verde attualmente disponibile (al pari dell’eolica) nonché uno dei più sicuri. Anche includendo i due famigerati incidenti, il bilancio delle vittime del nucleare impallidisce rispetto a quello dei combustibili fossili. Anche l’energia idroelettrica è statisticamente più letale dell’energia nucleare, se si tiene conto di tutti i principali incidenti causati dalle dighe.

Per quanto riguarda le scorie nucleari, a causa della loro oggettiva pericolosità sono estremamente ben monitorate e conservate. I rifiuti di combustibili fossili, d’altra parte, non solo sono molto più grandi in quantità, ma sono anche molto più letali.

Forse ci è voluta una grave crisi energetica, come quella causata dalla guerra in Ucraina, perché i governi europei si rendessero conto dei vantaggi del nucleare.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2023-01-10 11:34:01. Titolo originale: Belgium will delay Nuclear Phase-Out. Europe realizing the Advantages of Nuclear?

Nessun commento

Iscriviti a Money.it