Perché bancomat e Pos sono fuori uso in Italia: registrati problemi per prelievi e pagamenti

Stefano Rizzuti

15/04/2022

15/04/2022 - 14:50

condividi

Da Unicredit a Intesa Sanpaolo, da Poste italiane a tutti i servizi di Pos: in Italia si sono segnalati migliaia di disservizi, con l’impossibilità di effettuare prelievi e pagamenti elettronici.

Perché bancomat e Pos sono fuori uso in Italia: registrati problemi per prelievi e pagamenti

Bancomat e Pos fuori uso in tutta Italia. Dalle ore 12 di venerdì 15 aprile si segnalano migliaia di disservizi in tutto il Paese, con i pagamenti elettronici e i prelievi impossibili anche per le carte delle principali banche come Unicredit e Intesa Sanpaolo, oltre che Poste italiane.

In realtà il blocco dei pagamenti e dei prelievi sembra riguardare tutte le banche, non solamente quelle principali. Su Twitter sono moltissimi gli utenti che segnalano l’impossibilità di prelevare con il bancomat o di pagare con carte di credito e prepagate nei supermercati, nei negozi e in qualsiasi occasione in cui sia richiesto il Pos.

Come riportato da alcune agenzie di stampa il problema si segnala anche a Roma, dove in molte zone non si riesce né a pagare elettronicamente né a prelevare i contanti. C’è chi ipotizza che si tratti di un attacco hacker, ma questa ipotesi è stata esclusa. Più probabile, invece, che si sia trattato di un problema tecnico di un fornitore.

In attesa di capire quale sia stato con certezza il problema, alcune fonti che si stanno occupando della risoluzione del problema assicurano che in tempi brevi dovrebbe tornare tutto alla normalità e sarà nuovamente possibile effettuare i pagamenti con carte e bancomat. Il problema, comunque, non sembra riguardare tutte le carte né tutti i tipi di pagamento. Verso le 13 i disservizi erano stati già in parte risolti.

Nonostante sia difficile capire a cosa sia dovuto il problema e quali siano i pagamenti bloccati, sembra che alcune transazioni e alcuni prelievi siano sempre state possibili senza particolari problemi per gli utenti.

I blocchi ai pagamenti con Intesa Sanpaolo, Unicredit e Poste

Come si può vedere dal sito downdetector, dove arrivano tutte le segnalazioni di disservizi da parte degli utenti, a partire da poco prima delle 12 si è registrato un picco per le problematiche relative a Intesa Sanpaolo. Non solo, perché anche il grafico relativo alle segnalazioni di Unicredit è molto simile: prima delle 12 si registrano i primi problemi, con un picco subito successivo alle 12.

Non cambia la situazione con Poste italiane: anche in questo caso il picco si registra subito dopo le ore 12, con tantissime segnalazioni degli utenti che non possono prelevare o pagare con carte e bancomat. I disservizi, come detto, riguardano anche i pagamenti elettronici effettuati in negozi e supermercati: i Pos hanno dato problemi e non è stato possibile pagare con carta per più di un’ora.

Nexi assicura: problemi risolti, ripristinato servizio

Il problema, secondo quanto fa sapere Nexi, sarebbe stato risolto. Il disservizio ha riguardato proprio i pagamenti effettuati con carte di credito e bancomat riferiti ai circuiti gestiti da Nexi: “I problemi sono stati risolti e i servizi ripristinati”, fanno sapere. Sempre da Nexi viene comunicato che la causa è stato un problema tecnico legato a un fornitore, ma viene escluso che si sia trattato di un attacco hacker.

Iscriviti a Money.it