Auto elettriche: l’elevata potenza provocherebbe più incidenti

Marco Lasala

2 Settembre 2022 - 11:46

condividi

Zero emissioni, zero impatto ambientale, le auto elettriche oramai prendono sempre più piede in Europa e nel Mondo, eppure secondo un recente studio…

Auto elettriche, veicoli a zero emissioni dalla tecnologia evoluta e con una serie di sistemi di sicurezza all’avanguardia, eppure secondo un recente studio, questa tipologia di veicoli non sarebbe tanto sicura come le classiche vetture a combustione interna.

Sono potenti e tecnologiche, le auto elettriche rispetto alle comuni auto a benzina e diesel, sono enormemente più complesse, hanno un’elettronica raffinata e di solito sono spinte da uno o due motori elettrici alimentati da un grosso pacco batteria, tutto questo però assume anche un risvolto negativo, in termini di peso.

A partire dal 2035 le full electric diventeranno uno standard, nell’attesa, in Europa ma anche in Italia, crescono le immatricolazioni e conseguentemente aumenta il parco circolante dei veicoli a zero emissioni.

Rispetto a qualche anno fa, circolano molte più auto elettriche, inevitabilmente dunque aumentano anche i sinistri causati da questa tipologia di alimentazione.

Auto elettriche: aumentano gli incidenti

Secondo un recente studio condotto dalla compagnia assicurativa francese AXA, le auto elettriche nel 2022 avrebbero provocato il 50% di collisioni in più rispetto ai veicoli a combustione interna. Anche se rispetto al parco circolante le BEV rappresentano una quota piccolissima, AXA nel suo studio, ha spiegato quali sono state le “motivazioni” che hanno provocato un numero così consistente di sinistri.

Tra i principali indiziati figurano l’elevata potenza in gioco, il peso e la difficoltà di controllo. Con l’elettrificazione che ha coinvolto l’intero comparto automotive, con l’avvento delle ibride (mild hybrid e plug-in hybrid), e delle elettriche, le potenze sono aumentate a dismisura, soprattutto nel caso dei veicoli elettrici.

Basta sbirciare rapidamente il listino delle principali case automobilistiche per sorprendersi di come, anche vetture di segmento basso o medio, abbiano ben oltre i 100 cavalli, con accelerazioni brucianti.

Secondo AXA l’accelerazione, la spinta costante e immediata del motore elettrico metterebbe in difficoltà più di un automobilista non abituato a questa tipologia di alimentazione, con conseguente perdita di controllo del veicolo.

Anche il peso avrebbe una sua corresponsabilità nelle collisioni, mediamente rispetto a una tradizionale auto benzina o diesel, il gap è notevole, in alcuni casi, soprattutto sui modelli premium, il peso di un’auto elettrica supera abbondantemente le 2 tonnellate.

Auto elettriche: sono realmente sicure?

La parte incriminata e maggiormente esposta al danneggiamento in caso di collisione, secondo lo studio condotto dalla compagnia assicurativa francese, sarebbe il sottoscocca. Se la zona anteriore e posteriore è debitamente protetta da una serie di protezioni, la zona critica in caso d’incidente, sarebbe il centro della vettura dove è alloggiato il pacco batteria, soluzione comunemente adottata dai costruttori per abbassare il baricentro della vettura.

AXA suggerisce così alle case automobilistiche di apportare una serie di modifiche strutturali ai veicoli elettrici, invitando anche l’ente indipendente che esegue i crash test, l’Euro NCAP, a inserire all’interno del suo programma di valutazione sulla sicurezza dei nuovi modelli, prove in grado di valutare anche la resistenza del sottoscocca dei veicoli elettrici.

Argomenti

# AXA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti a Money.it