Assunzioni Poste Italiane: si cercano ancora postini per la stagione estiva

Poste Italiane, le assunzioni di postini vanno avanti ma ci sono ancora posti vacanti: ecco come candidarsi e quali sono i requisiti.

Assunzioni Poste Italiane: si cercano ancora postini per la stagione estiva

Opportunità di lavoro presso grandi aziende: Poste Italiane assume portalettere.

Anche se siamo già in estate inoltrata, Poste Italiane è ancora alla ricerca di postini da assumere su tutto il territorio nazionale con contratto a tempo determinato.

Tuttavia, al momento la sezione Lavora con Noi del sito di Poste Italiane, spazio dedicato alle candidature per le varie offerte di lavoro, risulta essere in manutenzione; lo sarà fino a lunedì 10 agosto, quando potrete tornare ad inviare le vostre candidature per le opportunità di lavoro di Poste Italiane.

Lavorare come postini è una buona opportunità per chi non è alla ricerca di un impiego stabile; per il momento, infatti, l’offerta di lavoro di Poste Italiane è per un rapporto a tempo determinato che va dai 3 ai 4 mesi, quindi esclusivamente per il periodo estivo. Si tratta comunque di un’occasione per fare esperienza nel mercato del lavoro e anche per farsi conoscere da Poste Italiane; non è escluso, infatti, che da un’esperienza lavorativa a tempo determinato non possa nascere un rapporto di lavoro stabile.

L’offerta di lavoro come postino per Poste Italiane, quindi, potrebbe essere l’inizio di una carriera all’interno dell’azienda. Per il momento comunque l’accordo è per un lavoro a tempo determinato, poi si vedrà.

Nell’attesa che il sito di Poste Italiane torni ad essere online, vediamo quali sono i requisiti che bisogna avere per potersi candidare come postino.

Lavorare come postino per Poste Italiane: i requisiti

Per proporsi come postino per Poste Italiane non serve avere particolari requisiti. È sufficiente il diploma, purché conseguito con voto minimo di 70 su 100. Qualora il voto della Maturità sia inferiore a questa soglia allora non potrete candidarvi, a meno che non siate in possesso della laurea conseguita con voto minimo di 102 su 110.

In assenza di queste condizioni non potrete proporvi come postini; d’altronde, dal momento che non servono particolari requisiti per lavorare come postino, l’azienda ha deciso di fissare una soglia per i voti di Maturità e Laurea al fine di poter ridurre il numero delle candidature presentate.

Altro requisito è il possesso della patente di guida per il motomezzo aziendale (vanno bene sia la patente A che la B in quanto il mezzo messo a disposizione da Poste Italiane ha 125 cc di cilindrata).

Come anticipato chi verrà selezionato andrà a firmare un contratto a termine con scadenza variabile a seconda delle necessità dell’azienda. Solitamente i contratti hanno durata variabile dai 3 ai 4 mesi, ma possono arrivare anche a 6 mesi. Durante il periodo lavorativo si andrà a percepire uno stipendio netto di circa 1.200€ mensili.

Diventare postino per Poste Italiane: come candidarsi?

Come accennato al momento non risulta possibile candidarsi come postino, in quanto la sezione Lavora con Noi di Poste Italiane risulta essere fuori uso. I lavori di manutenzione termineranno il prossimo lunedì; per quella occasione fatevi trovare pronti così da potervi candidare per i posti come portalettere che risultano essere ancora vacanti.

Ricordiamo che ci sono due differenti procedure per potersi candidare: da una parte la candidatura spontanea, dove potrete inviare il vostro CV e sperare che questo venga preso in considerazione per tutte quelle selezioni dove il vostro profilo risponde alle caratteristiche ricercate.

La seconda è quella mirata, dove appunto potete candidarvi per un annuncio di lavoro di Poste Italiane. A tal proposito, dalla prossima settimana potrete rispondere agli annunci ancora validi per poi attendere di essere richiamati dall’azienda stessa.

L’iter continua con la somministrazione di un test di ragionamento logico (a cui dovrete rispondere online), dopodiché coloro che superano questo primo passaggio saranno chiamati ad un colloquio, al quale poi seguirà la prova di guida per il motomezzo aziendale.

Argomenti:

Iscriviti alla newsletter

Money Stories