Juventus crolla in Borsa dopo eliminazione CL, cosa fare con le azioni?

Il titolo bianconero è in evidenza a Piazza Affari, dopo l’eliminazione dalla Champions League. Ecco come operare in Borsa secondo l’analisi tecnica

Juventus crolla in Borsa dopo eliminazione CL, cosa fare con le azioni?

Le azioni Juventus FC sono in evidenza a Piazza Affari dopo l’eliminazione dalla Champions League di ieri sera. Questa mattina il titolo bianconero è stato sospeso alla negoziazione con un -22% teorico.

A livello tecnico il tonfo di questa mattina ha riportato le quotazioni sul livello tondo a 1,3000 euro, dove transita inoltre la trendline ascendente di lungo periodo che conta i principali minimi di swing segnati dal 25 ottobre 2018.


Juventus FC, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

La struttura tecnica ora è completamente deteriorata nel breve termine. Nelle precedenti sedute i corsi avevano trovato supporto sulla trendline discendente che conta i massimi segnati il 20 settembre 2018 con l’high messo a segno il 13 marzo scorso, livello dal quale il pattern Hammer aveva portato a segnare un nuovo massimo relativo a 1,7250 euro nella giornata di ieri.

Tuttavia a seguito di questo nuovo top, i corsi hanno proseguito al ribasso disegnando in chiusura di contrattazioni un pattern dalle implicazioni ribassiste: il Dark Cloud Cover, rafforzato dall’oscillatore RSI in area di ipercomprato.

Al momento i corsi hanno ripreso vigore dopo il test della trendline ascendente e sembrano puntare ad una copertura dell’ampio gap down lasciato aperto rispetto la seduta di ieri.

Per l’operatività odierna si potrebbe quindi puntare ad un recupero delle quotazioni con target identificabili dapprima verso il livello tondo a 1,5000 euro e in secondo luogo in prossimità della trendline discendente di lungo corso precedentemente menzionata ed ora transitante a 1,5415.

Fai trading ora con eToro Demo gratuita

Strategie operative su Juventus FC


Elaborazione Ufficio studi di Money.it

Considerata la struttura tecnica di Juventus FC si potrebbero implementare strategie long ai prezzi attuali auspicando ad una copertura del gap down lasciato aperto con la seduta di ieri.
In tal caso lo stop loss potrebbe essere collocato poco al di sotto del 50% della candela odierna, più precisamente a 1,3384 euro. Un primo obiettivo di profitto potrebbe essere collocato a 1,5000 euro, mentre un target finale a 1,5415 euro.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Analisi tecnica

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.