Addio al borotalco Johnson & Johnson: rischio tumori, stop alla produzione

Luna Luciano

13 Agosto 2022 - 08:56

condividi

Entro il 2023 la multinazionale farmaceutica Johnson & Johnson non produrrà né venderà più il suo talco, a causa di numerose cause legali. Si sospetta che il talco sia cancerogeno.

Addio al borotalco Johnson & Johnson: rischio tumori, stop alla produzione

Addio definitivo quello della multinazionale farmaceutica americana Johnson & Johnson a uno dei suoi prodotti di punta: il borotalco. Gli amanti dei prodotti Johnson & Johnson dovranno rinunciare al loro talco. È questa la decisione presa dall’azienda dopo una serie di cause legali che accusavano il loro prodotto di essere cancerogeno.

Dopo due anni dallo stop di vendite negli Stati Uniti, in questi giorni la multinazionale ha annunciato che smetterà di produrre e vendere il suo talco in tutto il mondo. Sono infatti migliaia le cause legali negli Stati Uniti da parte di consumatori che sostenevano di aver contratto il cancro dopo aver utilizzato i prodotti a base di talco per periodi prolungati.

Secondo i consumatori il gruppo avrebbe minimizzato - se non nascosto - i rischi di tumori causati dal prodotto, chiedendo un lauto risarcimento. Intanto l’azienda ha annunciato di star progettando un nuovo talco completamente a base di amido di mais. Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla vicenda e se il talco Johnson & Johnson è veramente cancerogeno.

Addio al borotalco Johnson & Johnson: ecco quando e perché

Stop alla produzione di talco Johnson & Johnson. Il colosso ha deciso di sospendere dal prossimo 2023 la vendita in tutto il mondo del suo borotalco. La decisione è legata alle numerose cause legali che l’azienda h a dovuto affrontare, oltre 40mila, per il presunto legame tra il borotalco e i tumori ovarici e il mesotelioma (ossia il cancro al mesotelio, tessuto che riveste i polmoni, il cuore, lo stomaco e altri organi).

Il 24 giugno 2020 l’azienda è stata condannata negli Stati Uniti perché il suo talco, contenente secondo l’accusa tracce di amianto, avrebbe provocato un cancro alle ovaie a 22 donne.

Una corte d’appello del Missouri aveva infatti confermato il verdetto di un tribunale minore contro la multinazionale Usa, ma dimezzando il risarcimento, sceso da 4,69 a 2,1 miliardi di dollari, dopo che alcune di quelle donne che avevano fatto causa all’azienda erano state escluse dal caso. Johnson & Johnson aveva poi fatto ricorso contro questa decisione, ma la Corte Suprema americana lo ha respinto a giugno del 2021. Da qui la decisione di sospendere la produzione del suo borotalco, benché la multinazionale ribadisca la sua ferma posizione sulla sicurezza del prodotto.

Addio borotalco Johnson & Johnson: nuovo talco con amido di mais

E se Johnson & Johnson dicono dice stop al suo borotalco, questo non vuol dire che l’azienda non produrrà più alcun prodotto a base di talco. La società ha infatti deciso di passare a prodotti per bambini a base di amido di mais.

Il gruppo ha aggiunto che questo prodotto è già venduto nei paesi di tutto il mondo. “Continuiamo a valutare e ottimizzare il nostro portafoglio per essere meglio posizionati per la crescita di lungo termine, Questa transizione aiuterà a semplificare la nostra offerta di prodotti”, spiega il colosso farmaceutico.

Il borotalco Johnson & Johnson è veramente cancerogeno?

Davanti a una simile notizia c’è solo un’unica domanda a cui trovare risposta: il talco Johnson & Johnson è veramente cancerogeno? Secondo l’accusa, e le donne che hanno contratto un tumore alle ovaie sì, mentre il colosso rimane convinto della sicurezza del suo prodotto.

Secondo uno studio riportato sul sito dell’Airc, la fondazione per la ricerca sul cancro, l’eventuale aumento del rischio di tumore alle ovaie, in caso di esposizione prolungata al talco dei genitali è “modesto in valore assoluto”. Gli esperti sono tutti concordi: il tumore alle ovaie è una malattia poco frequente e rappresenta meno del 3% di tutti i casi di tumore.

Sempre secondo lo studio Airc, le ricerche condotte negli ultimi anni non hanno indicato il talco tra i possibili fattori di rischio per il tumore ovarico. Gli studi condotti sul talco, vedendo il prodotto come possibile cancerogeno, non sono considerati rigorosi, poiché per verificare la relazione tra talco e rischio di tumori, è stato chiesto alle partecipanti di ricordare che cosa hanno fatto nel passato, alla ricerca di un evento o comportamento comunque a tutti i casi,

Argomenti

Iscriviti a Money.it