Addio all’app Immuni: il governo cancella l’applicazione per il tracciamento Covid

Stefano Rizzuti

27 Dicembre 2022 - 16:10

Il governo ha deciso di cancellare l’app Immuni, utilizzata per il tracciamento dei contatti di Covid-19. Dal 31 dicembre non sarà più possibile scaricarla.

Addio all’app Immuni: il governo cancella l’applicazione per il tracciamento Covid

In molti avranno persino dimenticato della sua esistenza. Tanti altri dopo averla scaricata non l’avranno mai usata. Qualcuno, probabilmente in pochi, ancora oggi la utilizza, pur sapendo che le sue funzionalità sono ridotte all’osso e ormai la sua utilità quasi nulla. Parliamo dell’app Immuni, nata per il tracciamento sul Covid. Applicazione che dal 31 dicembre scomparirà, secondo quanto deciso dal governo.

La piattaforma unica nazionale per la gestione del sistema di allerta del Covid-19 e la sua app verranno dismessi dal 31 dicembre. A comunicarlo è stato il ministero della Salute che ha anche fatto sapere che dalla fine dell’anno verrà interrotto “ogni trattamento di dati personali” finora effettuato dallo stesso ministero sulla base di quanto previsto dalla legge con cui è stata introdotta l’applicazione.

Questo vuol dire che dal primo gennaio l’app Immuni non sarà più disponibile negli store delle applicazioni utilizzate da tutti i dispositivi mobili. Ma cosa succederà a chi ha l’applicazione sul telefono e come fare per scaricare certificati che potevano essere presi da Immuni?

L’app Immuni

L’app era stata lanciata nel giugno del 2020, quando dopo il lockdown l’Italia - come tutti i paesi del mondo - provava a riaprire e a farlo anche attraverso il tracciamento dei contatti delle persone positive. L’app serviva a segnalare i casi in cui si era stati a stretto contatto con persone risultate nel frattempo positive al coronavirus, in modo da far partire la quarantena o sottoporsi a eventuale test per scoprire se si era stati infetti.

Cosa succederà all’app Immuni nel 2023

Cosa vuol dire concretamente che viene dismessa la piattaforma dell’app Immuni? Semplicemente che l’applicazione non sarà più scaricabile sui consueti store da cui prendiamo le applicazioni da installare sul telefono. E per chi invece l’ha già installata cosa succederà? In questo caso l’app rimarrà sul dispositivo, ma sarà praticamente inutile.

L’applicazione non funzionerà più per attivare o ricevere le notifiche di allerta in caso di eventuale contatto stretto con chi è positivo al Covid. Di fatto sparirà il contact tracing che, però, non è quasi mai stato realmente impiegato a pieno. Altra novità è che Immuni non sarà più utilizzabile per quello che è stato uno dei suoi scopi principali: ricevere la certificazione verde Covid-19, ovvero il green pass. Sarà comunque possibile conservare sull’app - che, ricordiamolo, non sparirà - i vecchi certificati già scaricati in passato.

Cosa utilizzare al posto di Immuni

Per quanto molte delle possibili utilizzazioni di Immuni siano di fatto state quasi sempre rimaste inattese, sarà in ogni caso possibile utilizzare altri strumenti agli stessi scopi. A partire, per esempio, dai certificati vaccinali e dal green pass. Come ricorda il ministero della Salute sarà possibile continuare a utilizzare l’app Io, il fascicolo sanitario elettronico o anche il sito www.dgc.gov.it.

Iscriviti a Money.it

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo