Virus misterioso fa cadere uccelli dal cielo: cosa sta succedendo in Australia

Un virus sconosciuto si sta diffondendo tra i pappagalli arcobaleno in Australia, ne stanno morendo a centinaia. Nessun legame vero e proprio con il coronavirus, ma solo qualche similitudine.

Centinaia di pappagalli arcobaleno in Australia stanno morendo per colpa di un virus misterioso che porta al decesso attraverso la paralisi.

Si tratta di una malattia che è in circolo tra gli uccelli da tempo, e gli esperti rassicurano e sottolineano come non vi sia alcun legame con il coronavirus.

Tuttavia il fenomeno è simile a quello riscontrato in Germania, dove una strana epidemia ha ucciso 11mila uccelli.

Australia: uccelli muoiono paralizzati per colpa di un virus

Negli ultimi tempi in Australia sono stati segnalati tantissimi casi di uccelli trovati morti a terra, soprattutto nella città di Brisbane (ma anche a Melbourne, Sydney e Rockhampton).

Una particolare specie di pappagalli, il lorichetto arcobaleno, risulta la più colpita. La causa di questo fenomeno è una malattia nota agli esperti da tempo, osservata per la prima volta nel 1970. L’origine della sua diffusione potrebbe essere virale e legata al cibo di cui questi uccellini si nutrono. Il virus si trasmetterebbe proprio in questo modo, infettando gli animali e causandone la morte.

Il decesso arriva attraverso una paralisi che si diffonde in tutto il corpo, fino a che i polmoni collassano. Queste le parole del professor Darryl Jones della Griffith University ai microfoni del Daily Mail:

“La paralisi inizia nelle zampe degli uccelli, così quando provano ad aggrapparsi a un ramo non ci riescono. Cadono a terra e in un’ora sono morti, in alcuni casi diventano facili prede. La trasmissione potrebbe avvenire attraverso ciò che mangiano, il principale indiziato è il frutto del tulipano africano ma non abbiamo ancora trovato il collegamento”.

Le somiglianze con il coronavirus

Ciò che è saltato all’occhio degli studiosi è che il virus nonostante non abbia alcun legame con il coronavirus ne rispecchi alcune caratteristiche. Il fatto che si stia diffondendo tra esemplari vicini ne è un esempio. Una malattia che si diffonde all’interno delle comunità di pappagalli arcobaleno in modo molto rapido, attraverso i contatti ravvicinati e che porta al collasso dei polmoni nel giro di un’ora.

Il professor Jones sottolinea come le somiglianze ci siano e vadano approfondite con nuovi studi onde evitare di perdere dettagli importanti. Ecco cos’ha detto:

“È molto simile al coronavirus. Non sappiamo molto a riguardo e sembra diffondersi dove gli uccelli formano ‘assembramenti’. Combattono tra di loro e attraverso contatto ravvicinato si infettano”.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories