È legale vendere cani senza pedigree?

I cuccioli di razza possono essere venduti solamente se provvisti di pedigree. Per gli altri invece la legge non prevede restrizioni. Ecco cosa rischia chi vende i cani di razza senza rispettare gli obblighi.

È legale vendere cani senza pedigree?

È legale vendere cani e gatti di razza senza pedigree? Ci sono vari modi per adottare un cucciolo, andare al canile pubblico e prendere un “bastardino” oppure rivolgersi ad un allevamento professionale per acquistare un animale di razza.

Ma ci sono anche molti privati o allevatori amatoriali che mettono in vendita cani e gatti inserendo un annuncio su uno dei tanti siti ad hoc presenti in rete o semplicemente attaccando un volantino sulla bacheca di uno studio veterinario. Non si tratta di una pratica illegale ma la vendita deve avvenire rispettando quanto stabilito dalla legge: tutti i cuccioli di razza devono possedere il pedigree.

Nonostante l’obbligo, sono ancora tantissimi gli allevatori disonesti o i privati che cercano di arricchirsi con la vendita di cani senza rispettare le regole. Si tratta di una condotta illegale, sia per chi vende che per chi acquista. Vediamo nel dettaglio cosa si rischia.

Cos’è il pedigree?

Prima di vedere quali sono le sanzioni per chi non rispetta quest’obbligo facciamo un passo indietro facendo chiarezza su cos’è il pedigree e a cosa serve. Il pedigree è il certificato di iscrizione ai Libri Genealogici, che in Italia viene emesso da:

  • ENCI (Ente Nazionale della Cinofilia Italiana) per i cani;
  • ANFI (Associazione Nazionale Felina Italiana) per i gatti.

Il pedigree è molto importante perché è l’unico documento che certifica l’appartenenza del cane o del gatto ad una determinata razza. Qui inoltre sono indicati i dati anagrafici sia del proprietario che dell’allevatore, compresa la genealogia del cucciolo.

Obbligo del pedigree per chi vende un cane o un gatto di razza

Per questo motivo chi vuole acquistare un cane o un gatto di razza deve sempre pretendere il pedigree dal venditore: se il cucciolo ne è sprovvisto, per quanto amorevole e meritevole di affetto, non può essere definito un “animale di razza”.

Per ottenere il pedigree chi alleva la cucciolata deve obbligatoriamente iscrivere i piccoli al Registro Origine Italiano, il ROI, e alcune volte capita che questi decidano di non farlo sia per risparmiare che per evitare di dare informazioni specifiche sui genitori dei cuccioli (ad esempio quando la mamma dei cuccioli è troppo giovane).

Ecco perché molti cani, pur avendo tutte le caratteristiche di una determinata razza, sono sprovvisti di pedigree e di conseguenza non possono essere venduti come tali.

Eppure andando sui siti specializzati negli annunci online è facile imbattersi in chi vende animali di “razza” sprovvisti di pedigree. Questi a quanto pare non sono a conoscenza della legge, nonostante sia in vigore da più di 25 anni. Ma quali sono le sanzioni per chi vende un cane o un gatto senza pedigree? Scopriamolo di seguito.

Vendere un cane o un gatto di razza senza pedigree: cosa si rischia?

Il decreto legislativo 529/1992 con il quale sono state attuate le norme della direttiva CEE sulle “condizioni zootecniche e genealogiche che disciplinano la commercializzazione degli animali di razza”, prevede una sanzione che va dai 10.000 ai 60.000 euro per chi vende un animale non rispettando l’attuale normativa.

Questa sanzione vale per coloro che vendono un cucciolo sprovvisto di pedigree spacciandolo per un cane o un gatto di razza.

Decreto legislativo n°529 del 1992
Clicca qui per scaricare il testo del d.lgs 529 del 1992 contenente le regole da rispettare da chi vende un cane o un gatto di razza.

Le sanzioni variano nel caso in cui il cucciolo abbia una provenienza illecita: il contrabbando di cani e gatti, purtroppo, è un fenomeno in continua crescita ed è per questo che l’Unione Europea nel 2003 ha stabilito che i cuccioli venduti devono essere dotati di “sistemi per l’identificazione individuale e delle necessarie certificazioni sanitarie e non muniti, ove richiesto, di passaporto individuale”.

Chi non rispetta questa regola e vende illegalmente un cane o un gatto di razza è punito con la reclusione da 3 mesi a ad 1 anno e con una multa dai 3.000 ai 15.000 euro.

Cosa rischia chi compra i cuccioli senza pedigree a prezzo basso?

Se quelle del paragrafo precedente sono le sanzioni per chi vende illecitamente i cani, anche chi acquista non è esente da conseguenze. Infatti chi compra il cane senza pedigree, molto spesso ad un prezzo notevolmente più basso di quello di mercato, commette il c.d. reato di incauto acquisto.

Nello specifico si tratta della condotta dell’articolo 712 del Codice civile recante il titolo “acquisto di cose di sospetta provenienza” che recita:

“Chiunque, senza averne prima accertata la legittima provenienza, acquista o riceve a qualsiasi titolo cose, che, per la loro qualità o per la condizione di chi le offre o per la entità del prezzo , si abbia motivo di sospettare che provengano da reato, è punito con l’arresto fino a sei mesi o con l’ammenda non inferiore a dieci euro.”

Il prezzo inferiore rispetto agli standard è il campanello d’allarme che fa scattare il sospetto della provenienza illecita, quindi a poco servirà contestare che non si era a conoscenza dell’obbligo di vendita con pedigree.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Animali

Argomenti:

Animali

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.