USA: il Collegio elettorale ha confermato la vittoria di Biden. Che fine farà Trump?

Martino Grassi

15 Dicembre 2020 - 10:11

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Il Collegio elettorale ha confermato la vittoria di Joe Biden, il nuovo presidente degli Stati Uniti, nonostante l’opposizione di Trump.

USA: il Collegio elettorale ha confermato la vittoria di Biden. Che fine farà Trump?

Il Collegio elettorale degli Stati Uniti ha confermato la vittoria di Joe Biden, il nuovo presidente eletto e di Kamala Harris come vice presidente. Dopo settimane di scontri e rappresaglie politiche, Biden è diventato ufficialmente il nuovo presidente degli Stati Uniti, mettendo fine alle varie battaglie legali, perpetrate da Trump, con l’intento di ribaltare i risultati delle scorse elezioni politiche.

La nomina ufficiale di Joe Biden, avvenuta il 14 dicembre, nei giorni precedenti aveva rischiato di slittare dopo una nuova accusa di brogli durante le elezioni, stavolta mossa dal procuratore generale Ken Paxton, che tuttavia non ha avuto successo.

Usa: il Collegio elettorale conferma Biden come presidente

Il Collegio elettorale ha confermato la vittoria di Joe Biden alle ultime elezioni presidenziali. Lo scorso 14 dicembre, in tutti gli Stati si sono riuniti i grandi elettori che hanno ufficializzato il nuovo presidente degli Stati Uniti.

Come prevedibile, il Biden ha ottenuto i 306 che gli spettavano, contro le 232 preferenze date a Trump. Adesso la prossima tappa del nuovo presidente sarà un passaggio al Congresso con cui verrà formalizzata la vittoria ottenuta alle elezioni presidenziali dello scorso novembre. Durante le votazioni non si sono verificati casi di elettori infedeli, ossia grandi elettori che decidono di non votare il candidato per cui sono stati scelti.

Donald Trump non si arrende

Con l’ufficializzazione della vittoria di Biden si riducono le possibilità a cui può appigliarsi l’entourage di Trump per cercare di ribaltare il risultato delle scorse elezioni, non riconoscendo la vittoria di Biden. Adesso dal prossimo gennaio, dopo l’insediamento di Biden, Donald Trump sarà costretto a fare le valige e abbandonare la Casa Bianca.

Per cercare di ottenere una vittoria del tycoon, il Partito Repubblicano ha organizzato delle votazioni “alternative in Georgia, Pennsylvania, Michigan, Wisconsin, Nevada e Arizona, degli stati considerati in bilico fino all’ultimo, assegnando la vittoria proprio a Trump. Le assemblee del Partito Repubblicano tuttavia non avevano nessun valore legale.

Intanto continuano gli sforzi di Donald Trump nel cercare di ostacolare l’elezione del nuovo presidente degli Stati Uniti. Il tycoon continua a ribadire, a colpi di tweet, che “l’America rischia di avere un presidente illegittimo. Ma la battaglia non è ancora finita” insistendo sul fatto che molti dei suoi voti erano stati attribuiti a Biden, che nonostante le diverse batoste e le smentite ricevute nel corso della sua battaglia.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories