UBI-Intesa: spuntano novità sull’OPAS. Cosa sta succedendo?

Le ultime notizie sull’OPAS tra UBI Banca e Intesa Sanpaolo. Occhi puntati sui titoli

UBI-Intesa: spuntano novità sull'OPAS. Cosa sta succedendo?

Novità sul fronte UBI Banca-Intesa Sanpaolo.

L’offerta di pubblico acquisto e scambio (OPAS) è finita ai tempi supplementari come confermato dalla Consob tramite un comunicato stampa pubblicato nella serata di ieri. Ma per quale motivo?

Novità UBI-Intesa: è scattata la proroga dell’OPAS

La Commissione ha deciso, ai sensi dell’art. 40 del Regolamento Emittenti, di prorogare per ulteriori due giorni l’OPAS lanciata da Intesa Sanpaolo su UBI Banca.

Il periodo di adesione all’Offerta pubblica di scambio, dunque, non si concluderà oggi, martedì 28 luglio, ma terminerà giovedì 30 (incluso).

La domanda sorge spontanea: cosa ha portato la Consob a comunicare le citate novità e a disporre dunque la proroga dell’OPAS? Le motivazioni della scelta sono state specificate nella delibera numero 21460 della Commissione, che ha puntato il dito contro alcune informazioni - non del tutto complete - fornite da UBI e riguardanti in particolar modo la tabella del valore del titolo pubblicata sul sito ufficiale.

La quotazione riportata nella suddetta tabella, si legge nel testo della delibera, comprende anche il premio implicito dell’Offerta e non può essere considerata di per sé un’aspettativa del futuro andamento delle azioni societarie.

Ritenendo il messaggio di UBI “per lo meno incompleto”, la Consob ha chiesto all’istituto una integrazione delle informazioni, che è arrivata però proprio verso la conclusione del periodo di adesione. Per questo motivo, e con l’obiettivo di:

“consentire agli azionisti di UBI Banca di disporre di un’informativa completa e corretta per un adeguato periodo di tempo”,

la Consob ha scelto di prorogare l’OPAS di altri due giorni.

A che punto siamo con le adesioni?

L’OPAS di Intesa Sanpaolo su UBI Banca, vale la pena di ricordarlo, è stata sin da subito condizionata al raggiungimento del 50% del capitale societario.

A comunicare le ultime novità o meglio gli ultimi dati sull’andamento dell’offerta è stata ieri Borsa Italiana, la quale ha confermato che al 27 luglio 2020 le adesioni hanno raggiunto il 43,481% del capitale.

Se l’istituto di Messina riuscirà ad arrivare fino al 66,67% allora avrà l’opportunità di prendere il controllo di quell’assemblea straordinaria che si esprimerà sulla già programmata fusione tra UBI Banca e Intesa Sanpaolo.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories