Tre Regioni in zona rossa entro un mese: la previsione dell’ISS

Alessandro Cipolla

13 Dicembre 2021 - 08:33

condividi

Stando all’ultimo monitoraggio del rischio Covid in Italia fatto dall’ISS, entro un mese tre Regioni rischiano di passare in zona rossa: sotto osservazione ci sono Veneto, Liguria e Abruzzo.

Tre Regioni in zona rossa entro un mese: la previsione dell'ISS

Tre Regioni a inizio 2022 potrebbero passare in zona rossa, ma lo scenario potrebbe essere anche peggiore. Questo è quanto emerge dal monitoraggio del rischio Covid pubblicato in data 10 dicembre dall’Istituto Superiore di Sanità con a prima firma il dottor Silvio Brusaferro.

Tra le pagine del rapporto si può leggere come la proiezione dei posti letto in terapia intensiva e in area medica a 30 giorni, quindi nel periodo che va dal 10 dicembre fino al 9 gennaio, non appare per nulla rosea per l’Italia.

Nei primi giorni del nuovo anno Veneto, Liguria e Abruzzo sarebbero fortemente a rischio zona rossa secondo i calcoli dell’ISS, ma sotto stretta osservazione ci sono anche Marche, Emila Romagna e Calabria.

Al momento tutta Italia è in zona bianca eccezion fatta per Friuli Venezia Giulia, Provincia Autonoma di Bolzano e Calabria che sono in giallo. Stando alla proiezione dell’ISS, a breve la situazione potrebbe peggiorare con molte Regioni destinate alla zona rossa.

Torna la zona rossa in Italia?

La situazione sanitaria legata al Covid in Italia è in continuo peggioramento. L’ultimo bollettino parla di 19.215 nuovi contagi nelle ultime 24 ore e 66 decessi. In aumento anche i ricoveri in area medica e in terapia intensiva.

I numeri di certo non sono catastrofici come in altri Paesi europei, vedi la Germania, ma la curva epidemiologica in costante peggioramento di certo non fa dormire sonni tranquilli al Governo: in particolare è l’indice Rt tornato a ballare sul filo del 1,2 a destare più di una preoccupazione.

Il rapporto dell’ISS così dipinge una situazione complicata per i primi giorni del nuovo anno. Per passare in zona rossa una Regione deve avere una incidenza settimanale dei contagi pari o superiore a 150 casi ogni 100.000 abitanti, un tasso di occupazione dei posti letto in area medica superiore al 40% e quello delle terapie intensive oltre il 30%.

Monitoraggio Covid ISS 10 dicembre Monitoraggio Covid ISS 10 dicembre Proiezione posti letto e terapie intensive

Come si può vedere dalla tabella realizzata dall’Istituto Superiore di Sanità, da qui a 30 giorni Veneto, Liguria e Abruzzo sono fortemente a rischio zona rossa, ma anche altre Regioni (Marche ed Emilia Romagna su tutte) potrebbero passare nell’area dove vigono le massime misure restrittive.

Negli ultimi giorni però si è vociferato di un Governo pronto a mettere in campo anche provvedimenti a carattere nazionale: il super green pass potrebbe così essere esteso ai luoghi di lavoro e ai mezzi pubblici, per una sorta di lockdown che però andrebbe a riguardare soltanto i non vaccinati.

Un lockdown generale per tutti invece viene visto come una sorta di extrema ratio: se diverse Regioni nelle prossime settimane dovessero finire in zona rossa, allora anche questa opzione potrebbe essere presa in considerazione da Palazzo Chigi.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it