Tari 2021: scadenza, calcolo e chi paga. Guida alla tassa rifiuti

Anna Maria D’Andrea

6 Aprile 2021 - 16:49

condividi

Tari 2021, dalla scadenza alle regole per il calcolo, di seguito tutte le informazioni utili sulla tassa rifiuti. Facciamo il punto su chi paga e quali sono i casi di riduzione ed esenzione previsti.

Tari 2021: scadenza, calcolo e chi paga. Guida alla tassa rifiuti

Tari 2021, guida alla tassa rifiuti: di seguito tutte le informazioni relative alla scadenza e al calcolo.

La prima scadenza della Tari per l’anno in corso è fissata, in alcuni comuni, al 30 aprile 2021.

Non si tratta di un termine valido per tutti, considerando che sono i singoli enti locali a disporre entro quando pagare la tassa rifiuti seguendo le linee guida dettate dal MEF, prevedendo almeno due scadenze all’anno a cadenza semestrale.

Se quindi è necessario monitorare il sito del proprio Comune per capire entro quando pagare, non cambiano le regole generali per individuare chi paga la Tari 2021, quali sono esoneri e riduzioni e come calcolare la somma dovuta.

Si ricorda in primo luogo che la Tari è il tributo dovuto per il finanziamento dei costi di gestione del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. A differenza dell’IMU, paga la tassa anche chi vive in affitto, nel rispetto di determinate condizioni che analizzeremo di seguito.

Ai fini del calcolo della tassa rifiuti dovuta, anche nel 2021 entrano in gioco due diverse componenti: la Tari è calcolata secondo una quota fissa ed una quota variabile, e l’importo complessivamente dovuto è determinato in relazione sia alle caratteristiche dell’immobile che a quelle del nucleo familiare.

Scendiamo quindi nel dettaglio e analizziamo di seguito tutte le istruzioni utili a capire come funziona la Tari 2021.

Tari 2021: quando si paga? Scadenza variabile

Variano da due a quattro le scadenze per il pagamento della Tari 2021 e, come sopra anticipato, sono i singoli comuni a disporre quando pagare la tassa sui rifiuti.

Pur lasciando ampio margine di manovra agli enti locali, la normativa nazionale prevede che, in ogni caso, le scadenze per pagare la Tari debbano essere determinate stabilendo almeno due rate a scadenze semestrale, di cui una fissata dopo il 30 novembre.

Proponiamo di seguito uno schema riepilogativo di quelle che sono principali scadenze per il versamento, pur evidenziando che è necessario monitorare quanto previsto dal proprio Comune:

TARI 2021 Scadenza
primo acconto 30 aprile
secondo acconto 31 luglio
saldo - prima rata 30 novembre
saldo - seconda rata 31 dicembre

Chi paga la Tari 2021

Quali sono i soggetti obbligati al versamento della Tari 2021?

Il presupposto per il pagamento della tassa rifiuti è il possesso o la detenzione a qualsiasi titolo di locali o aree scoperte operative, suscettibili di produrre rifiuti.

Paga la Tari chiunque possieda o detenga l’immobile o l’area. In sostanza, paga il tributo il soggetto utilizzatore dell’immobile.

Quanto sopra specificato è utile a capire chi paga la Tari in caso di affitto.

A differenza dell’IMU, la tassa sui rifiuti è dovuta da chi utilizza l’immobile, e non dal proprietario dello stesso. Soltanto in caso di affitto breve, di durata non superiore ai 6 mesi, l’importo dovuto resta in capo al possessore dell’immobile e non all’utilizzatore. In caso di più possessori o detentori il pagamento dovrà essere effettuato in solido.

Si ricorda inoltre che la Tari 2021 si paga anche sulle pertinenze, la cui superficie è sommata a quella dell’abitazione al fine del corretto calcolo della quota fissa della tassa rifiuti.

Si paga la Tari anche sulla casa disabitata

Un altro aspetto sul quale è necessario fare chiarezza riguarda gli obblighi in materia di pagamento della Tari in caso di mancato utilizzo dell’immobile.

La Tari, come abbiamo visto, si paga in relazione alla potenzialità del locale, o dell’area, di produrre rifiuti, e non sulla base dell’effettiva produzione. È questo uno degli aspetti da tenere a mente, e che aiuta a definire quando si paga la Tari sulla casa disabitata.

La Corte di Cassazione, a più riprese, ha evidenziato che il mancato utilizzo dell’immobile non è un fatto che esonera dal versamento della Tari.

Per evitare l’esborso, è necessario che il contribuente dimostri che il locale è inidoneo a produrre rifiuti, in quanto non utilizzabile. Come? Sono due i parametri presi in considerazione:

  • la mancanza di arredi;
  • la mancanza di utenze attive (luce, acqua e gas).

La presenza alternativa di arredi o anche solo di un’utenza di rete è sufficiente a far sorgere l’obbligo di pagamento della Tari, basato sulla presunzione che l’immobile venga utilizzato e quindi produca rifiuti.

Tari 2021: chi non paga? I soggetti esonerati

Dopo esserci soffermati sui casi in cui è dovuta la tassa rifiuti, soffermiamoci sui soggetti esonerati dal pagamento della Tari 2021.

Rientrano tra i casi di esonero e quindi nelle situazioni in cui non si paga la Tari le seguenti fattispecie:

  • aree condominiali comuni e non utilizzate in via esclusiva (ad esempio per androne e scale del palazzo);
  • aree in cui non si producono rifiuti in modo autonomo, ovvero cantine, terrazze, balconi;
  • aree pertinenziali scoperte o accessorie di locali già soggetti a tributo;
  • locali che, a causa di situazioni particolari, non sono suscettibili di produrre rifiuti.

In questi casi è possibile richiedere al proprio Comune l’esenzione dal pagamento della Tari. In più, non è dovuto il pagamento della tassa sui rifiuti nel caso di immobile disabitato, nel rispetto del doppio requisito della mancanza di utenze e di arredi, come sopra analizzato.

Tari 2021: chi ha diritto allo sconto sulla tassa rifiuti

Alle esenzioni si affiancano le riduzioni, suddivise in due categorie, obbligatorie e facoltative.

Le riduzioni obbligatorie Tari 2021 sono le seguenti:

  • riduzioni della quota variabile proporzionali alle quantità di rifiuti speciali assimilati agli urbani che il produttore dimostra di aver avviato al riciclo, disciplinate dal comune con proprio regolamento;
  • riduzione per mancato svolgimento del servizio di gestione dei rifiuti/effettuazione del servizio in grave violazione della disciplina di riferimento/interruzione del servizio per motivi sindacali o per imprevedibili impedimenti organizzativi che abbiano determinato una situazione riconosciuta dall’autorità sanitaria di danno o pericolo di danno alle persone o all’ambiente: la TARI è dovuta nella misura massima del 20%;
  • riduzione per le zone in cui non è effettuata la raccolta: la TARI è dovuta nella misura massima del 40%, secondo quanto stabilito dal comune che può anche graduare la tariffa in relazione alla distanza dal più vicino punto di raccolta rientrante nella zona perimetrata o di fatto servita.

A quelle sopra riportate si affiancano le ulteriori possibilità di riduzione facoltativa, che è il singolo Comune a poter disporre:

  • esenzioni e riduzioni in favore delle specifiche fattispecie individuate dalla legge, che, in quanto connesse a una minore attitudine a produrre rifiuti danno luogo ad un minor gettito da inserire tra i costi del piano finanziario:
    - abitazioni con unico occupante;
    - abitazioni e locali per uso stagionale;
    - abitazioni occupate da soggetti che risiedano o abbiano la dimora, per più di sei mesi all’anno, all’estero;
    - fabbricati rurali ad uso abitativo;
    - attività di prevenzione nella produzione di rifiuti (in particolare: utenze domestiche che abbiano avviato il compostaggio domestico), commisurando le riduzioni tariffarie alla quantità di rifiuti non prodotti.

Calcolo Tari 2021: quota fissa e quota variabile

Per capire al meglio le regole alla base della tassa sui rifiuti, è necessario conoscere anche le modalità di calcolo della Tari 2021.

Il calcolo viene effettuato sulla base del tariffario previsto dal proprio Comune, prendendo in considerazione i seguenti elementi:

  • quota fissa: determinata sulla base dei metri quadrati dell’immobile e delle relative pertinenze moltiplicati per il numero degli occupanti. Se il proprietario dell’immobile non è residente, il numero degli occupanti è determinato in via presuntiva, in rapporto alla superficie dei locali, ovvero:
    - da mq 0 a mq 45: 1 componente convenzionale
    - da mq 46 a mq 60: 2 componenti convenzionali
    - da mq 61 a mq 75: 3 componenti convenzionali
    - da mq 76 e oltre: 4 componenti convenzionali
  • quota variabile: quantità di rifiuto residuo conferito e quantitativo minimo obbligatorio, decisi da ciascun Comune sulla base della delibera TARI comunale. La quota variabile della Tari è costituita da un valore assoluto, rapportato al numero degli occupanti dell’immobile.

Le regole di calcolo sono differenti per le utenze non domestiche. In tal caso, sia la quota fissa che la quota variabile devono essere moltiplicate per la superficie assoggettabile al versamento Tari.

Argomenti

# Tari
# IUC
# MEF

Iscriviti a Money.it