Suzuki Jimny Gan: ancora più inarrestabile con la preparazione Zanfi

Andrea Tartaglia

21/06/2019

21/06/2019 - 09:45

condividi

Presentato in anteprima al Salone dell’Auto di Torino - Parco Valentino, il Suzuki Jimny Gan beneficia dell’intervento del preparatore Zanfi che lo rende ancora più inarrestabile.

Il Suzuki Jimny Gan è una delle sorprese più apprezzate e ammirate dai visitatori della quinta edizione del Salone dell’Auto di Torino - Parco Valentino. La Casa di Hammamatsu ha portato due esemplari di questa versione speciale, nata dalla collaborazione con Zanfi, uno dei più noti preparatori italiani di fuoristrata.

In giapponese, il termine “gan” indica tutto quello che è “forte”, “duro”, ma anche “testardo” e “difficile da smuovere”. Concetti che si adattano perfettamente allo spirito del Jimny, un fuoristrada duro e puro che non conosce ostacoli, erede di una dinastia di off-road compatti apprezzatissmi fin dal 1970.

Grazie al sapiente intervento di Zanfi, il Suzuki Jimny Gan è ancora più inarrestabile. La maggiore alatezza da terra, gli interventi su ammortizzatori e sospensioni, la dotazione fuoristradistica e i pneumatici. Ingredienti che si mercolano alla perfezione con il design “Kiru”, proposto sull’attuale generazione di Jimny.

Suzuki Jimny Gan: tutti i dettagli

Andiamo a vedere da vicino i dettagli del Suzuki Jimny Gan, che abbiamo avuto l’opportunità di toccare con mano al Parco Valentino 2019. L’allestimento realizzato da Zanfi prevede un assetto rialzato di 100 mm rispetto all’originale, con molle, ammortizzatori, barre Panhard e nuovi bracci. L’altezza minima da terra è di ben 310 mm.

Gli interventi firmati Zanfi si ritrovano anche nella barra antirollio sganciabile, negli alberi della trasmissione rinforzati, nei differenziali protetti da paratie saldate e nei distanziali da 30 mm sulle ruote, che montano pneumatici tassellati 235/75.

L’elaborazione ha riguardato anche la carrozzeria, con una griglia elastica portacavo assicurata al cofano motore, una fascia parasassi laterale color antracite chiaro, che riprende la tonalità dei cerchi e riporta il Kanji “Gan”, presente anche sul copertura della ruota di scorta.

E non potevano mancare alcune novità anche negli interni, con i sedili che riportano il Kanji “Gan” e il logo Jimny. L’abitacolo è impreziosito da un raffinato rivestimento in materiale pregiato di colore nero con inserti in Alcantara® traforato con trama grigio ghiaccio; lo stesso rivestimento ricopre le maniglie interne e la plancia, sempre con cuciture a contrasto silver.

Suzuki Jimny Gan: il prezzo

Il Suzuki Jimny Gan è l’elaborazione presentata al Parco Valentino 2019 per mostrare - semmai ce ne fosse bisogno - come il piccolo fuoristrada giapponese si presta alla perfezione ad interventi in chiave off-road.

Al momento, la Casa giapponese non ha comunicato se e quando verrà inserita a listino la versione speciale, che si può ipotizzare a tiratura limitata. Un’indicazione di prezzo, seppure non ufficiale, ci è comuqnue arrivata e parla di un prezzo chiavi in mano di circa 27.000 euro. Circa 6.000 euro in più della versione “normale”, in linea con la quantità e la qualità delle elaborazioni.

Nessun commento

Iscriviti a Money.it