Sui migranti Salvini si sente solo e attacca Trenta e Tria, poi smentisce

Duro scambio di accuse fra Viminale e ministero della Difesa

Sui migranti Salvini si sente solo e attacca Trenta e Tria, poi smentisce

Sui migranti si ripete il copione della settimana scorsa. Cambia il nome della nave, la Alex della Ong Mediterranea che, come la Sea Watch di Carola Rackete, ha forzato il blocco navale italiano e adesso è attraccata a Lampedusa. Ma c’è una differenza fondamentale: l’esplicito scontro fra le due parti del governo.

È uno scambio di attacchi durissimo quello che è avvenuto fra la serata di ieri e la mattina di oggi, domenica 7 luglio, nato con il ministro dell’Interno Matteo Salvini che ha detto di sentirsi politicamente solo sulla questione migranti, riferendosi in particolare ai ministri Trenta e Tria. E chiamando in causa anche la Germania.

Salvini contro Trenta e Tria

La lunga diretta Facebook di Salvini, all’ora di cena, è l’emblema di un chiaro scontro interno all’esecutivo sulla questione migratoria. “Ogni tanto mi sento politicamente solo. Chiederò al ministro della Difesa e dell’Economia di aiutarci in questa battaglia di civiltà, di legalità” dice il vicepremier ai suoi follower. E poi attacca i ministri della Difesa Elisabetta Trenta e dell’Economia Giovanni Tria: “Mi farebbe piacere che fossero al nostro fianco, al fianco del popolo italiano, altrimenti è un precedente pericolosissimo”. Ma non finisce qui.

Salvini va oltre, interrogandosi sul ruolo delle navi militari italiane, ovvero se sia di far rispettare le leggi e i confini o se servono da scorta per la navi fuorilegge. Il problema, in sostanza, sta nel fatto che il leader del Carroccio avrebbe voluto l’impiego delle navi per il blocco marittimo, mentre la Difesa afferma di avere offerto il proprio aiuto per portare i migranti a Malta.

Un aiuto che, così risponde tranchant la ministra Trenta, il Viminale ha rifiutato: “Da giorni abbiamo offerto supporto al Viminale sulla situazione di queste ore e il Viminale lo ha respinto, in più di una occasione. Questi sono i fatti”. In seguito arriva un’altra replica dalla Difesa, con toni ancora più duri: “Quanto riportato in queste ore ci sorprende, siamo alla mitologia. Lo ripetiamo: esigiamo rispetto per i nostri militari”.

Germania chiede porti aperti, Salvini: “Non se ne parla”

La diretta sui social di Salvini è stata anche l’occasione per rispondere alla lettera del ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer, che aveva chiesto al Viminale di aprire i porti facendo appello anche “ai nostri condivisi valori cristiani” e ricordando che l’Italia ha più volte beneficiato della solidarietà di Europa e Germania. Di aprire i porti “non se ne parla”, ha detto Salvini.

Il vicepremier leghista ha lanciato una stoccata anche al ministro Tria, il cui figlio si sarebbe trovato sulla nave Ong Alex. In mattinata, arriva invece da Salvini un comunicato conciliante sull’operato del ministero della Difesa, dato che il Viminale “non ha agito da solo e non ha rifiutato la collaborazione di altri ministeri”, tanto che “Alex&Co aveva una interlocuzione aperta anche con Guardia di Finanza e Guardia Costiera”.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories