Sterlina-dollaro (GBP/USD) al ribasso: il PIL del Regno Unito delude le aspettative

Brusca frenata per la crescita economica del Regno Unito, il PIL delude le aspettative e segna un +2,3%. La reazione della sterlina è netta, ecco quali prospettive per la settimana.

Il PIL della Gran Bretagna delude le aspettative, la crescita annuale del prodotto interno lordo britannico del 2,3% va contro le attese e sul forex la debolezza della sterlina fa precipitare il cambio sterlina-dollaro (GBP/USD) di 33 pip nell’arco di pochi istanti.

La frenata dell’economia del Regno Unito venuta alla luce pochi minuti fa con la pubblicazione di un PIL al di sotto delle attese, fa sì che la major GBP/USD rimanga stabilmente all’interno del suo canale di trend negativo. Questo è stato testato già nel finire della scorsa settimana e continua ad accompagnare la discesa del valore della valuta britannica, a meno che i dati macroeconomici di questa settimana non cambieranno radicalmente l’outlook.

PIL della Gran Bretagna al di sotto delle attese, la sterlina scende
Appena pochi minuti fa, alle 10:30 italiane secondo il calendario economico, sono stati resi noti i dati riguardanti il PIL britannico e la delusione è stata totale. Sul dato trimestrale le attese erano già negative, ma la notizia è addirittura peggiore del previsto e la crescita del prodotto iterno lordo nel Regno Unito negli ultimi tre mesi si è limitata allo 0,6%. Allo stesso tempo il dato annuale delude le attese del 2,4%, e la crescita economica del Paese oltre-manica si limita al +2,3%.
Alla doppia notizia negativa il mercato delle valute ha risposto prontamente e le vendite hanno prevalso sugli acquisti con un effetto “bearish” che rafforza il trend negativo del cambio sterlina-dollaro. Adesso, gli occhi sono tutti per i dati USA del pomeriggio.

Dati USA nel pomeriggio, due possibili scenari
Nei prossimi minuti avrà luogo anche l’asta dei buoni decennali del Regno Unito, ma l’attesa del forex è tutta per le 13:30 italiane, quando secondo il calendario economico saranno pubblicati i dati macroeconomici degli Stati Uniti circa gli ordini dei beni durevoli. Questi potranno frenare la discesa della sterlina e portare a una fase di oscillazioni laterali fino a domani, oppure intensificarne il deprezzamento e offrire una prospettiva completamente differente.

GBP/USD, analisi tecnica e previsioni
Il supporto di 1.5324 sembra aver retto all’onda d’urto seguita alla pubblicazione del PIL della Gran Bretagna, la sua rottura sarà chiave per valutare il trend settimanale della sterlina: al di sotto di questo livello, infatti, il prezzo oltrepasserebbe anche la media mobile di 14 periodi che aveva frenato nei giorni passati le oscillazioni della quotazione e potrebbe raggiungere i livelli di 1.5260, 1.5169 e 1.5086. Viceversa, qualora i market mover riportassero la quotazione a salire, il cambio sterlina-dollaro potrebbe raggiungere di nuovo la resistenza dinamica e andare a testare la resistenza di 1.5426.

Iscriviti alla newsletter Analisi dei Mercati

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.