Sky oscura sette canali dal 10 gennaio: ecco quali e perché

Giorgia Bonamoneta

9 Gennaio 2022 - 19:12

condividi

Sky dice addio a sette canali a partire dal 10 gennaio per fare spazio a nuove collaborazioni. Ecco quali sono i canali oscurati e i motivi dietro la decisione.

Sky oscura sette canali dal 10 gennaio: ecco quali e perché

Dal 10 gennaio 2022 la piattaforma televisiva Sky oscurerà sette canali. La notizia arriva in seguito alla decisione di allontanarsi dalla collaborazione con il partner Mediaset. Infatti i canali che non si potranno più vedere con l’abbonamento di Sky saranno tutti legarti al marchio Mediaset Premium di Mediaset.

Le voci di una rottura tra i due brand, Sky e Mediaset, circolavano dalla scorsa estate e già a novembre si dava per scontato l’allontanamento tra i due. Rimandata l’operazione all’anno seguente, giunge i primi giorni del 2022 la notizia della cancellazione definitiva di sette canali: tre canali Crime e quattro canali Cinema.

Da una parte la perdita di sette canali, dall’altra la collaborazione con Netflix e Amazon Prime Video, che tramutano così la piattaforma di Sky in un pacchetto a tutto tondo e proiettato verso la produzione di proprio show e serie tv.

Sky cancella 7 canali: quali sono e da quando

Scoppia la coppia Sky e Mediaset Premium. Sky aveva accolto nel 2018, grazie a un accordo storico con Mediaset, alcuni canali del palinsesto Mediaset Premium. Si trattava di un pacchetto composto da canali Crime e Cinema.

Sono proprio questi i canali a saltare. Da domani, 10 gennaio 2022, saranno oscurati da Sky i canali:

  • Premium Crime
  • Premium Stories
  • Premium Cinema 1
  • Premium Cinema 2
  • Premium Cinema 3

Perché tra Sky e Mediaset Premium non ha funzionato?

Finisce così il sodalizio tra le due aziende di prodotti televisivi. Forse parte della decisione deriva dall’assenza di entusiasmo dello stesso pubblico che non pensa a Mediaset Premium come prima piattaforma digitale per la visione di determinati programmi, film e serie tv.

Tra alti e bassi, dopo 17 anni, Mediaset Premium potrebbe finire nel dimenticatoio, senza essere mai riuscita a fidelizzare il proprio pubblico. Qualche risultato con i diritti in esclusiva della Uefa Champions League (2015-2018) erano stati ottenuti, ma in seguito, quando è tornata disponibile anche attraverso l’abbonamento Sport di Sky, è venuta meno anche l’attrattiva del pubblico.

Al contrario di altri partner di Sky come Netflix e Amazon Prime Video, che da soli hanno la capacità di attrarre un grande pubblico e potrebbero in futuro garantire a Sky, tramite pacchetti specializzati, di aumentare il numero di abbonati.

Dopo un’estate di voci di corridoio, che davano ormai per spacciata la collaborazione tra le due aziende, la decisione è stata ufficializzata. Insomma, da domani (10 gennaio 2022) non sarà più possibile vedere i sette canali della lista sopra citata.

Nuovi canali e nuovi progetti per Sky

Via uno, dentro altri partner. Sky non lascerà certo i suoi abbonati privi di determinati canali di Cinema, Crime ed Action. Oltre ai già citati Netflix e Amazon Prima Video - che da soli arricchiscono l’abbonamento di Sky con film, serie tv e show - l’azienda televisiva sta pensando a come incrementare il pacchetto.

Da una parte Sky pensa a una produzione propria sempre più grande, con la presentazione di nuove serie tv e film originali, ma non solo. Nel catalogo potrebbero finire anche importanti canali di streaming online come Paramount+.

Dall’altra parte Sky vuole incrementare l’offerta, destinata a Regno Unito, Irlanda, Germania, Svizzera, Austria e Italia, con l’aggiunta di Peacock, in collaborazione con NbcUniversal. Peacock detiene i diritti di molteplici produzioni come serie tv, film e programmi di Universal Pictures, NBC, Dreamworks Animation e Illumination. Sono presenti anche delle produzioni terze di ViacomCBS, WarnerMedia e Lionsgate.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it