Salvini in TV è ovunque: parla più di Conte e il triplo della Meloni

I dati dell’Agcom di maggio elaborati dal Fatto Quitidiano evidenziano come Matteo Salvini spopoli in TV, con un tempo di parola complessivo di quasi nove ore superiore a quello di Giuseppe Conte e degli altri leader.

Matteo Salvini spopola in televisione, sia nei talk politici che nei Tg, facendo risultare dei tempi di parola ben maggiori rispetto a quelli degli altri leader compreso il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Questo è quanto emerge dai dati diffusi dall’Agcom, rielaborati poi ad hoc dal Fatto Quotidiano, in merito al pluralismo politico in televisione per quanto riguarda il mese di maggio 2020.

Stando a quanto riportato dal quotidiano, a maggio nei vari Tg e programmi di approfondimento targati Rai, Mediaset e La7, Matteo Salvini ha avuto un tempo di parola complessivo di 8 ore e 56 minuti.

Nello stesso periodo, il premier Giuseppe Conte ha avuto spazio per 6 ore e 16 minuti in virtù della sua minor partecipazione nei talk televisivi visto il suo ruolo istituzionale.

Giorgia Meloni però, all’opposizione come leghista, ha parlato complessivamente per 3 ore e 7 minuti, in pratica tre volte meno dell’ex ministro, mentre Silvio Berlusconi ha avuto una esposizione monstre nelle sue reti Mediaset.

Salvini e i tempi di parola in TV

Durante il periodo della quarantena, per cercare di arginare l’emorragia di consensi che i sondaggi indicavano per la Lega, il giornalista Vittorio Feltri ha consigliato a Matteo Salvini in una lettera aperta di “cavalcare le paure della gente come sai fare tu”.

Da quel momento la strategia comunicativa del leader del Carroccio si è sviluppata su due fronti: presenza capillare in TV e, da quando è stato di nuovo reso possibile, ritorno a macinare chilometri in tutta Italia.

Al momento però gli unici risultati tangibili di questa strategia sono quelli pubblicati dall’Agcom, che secondo quanto rielaborato dal Fatto Quotidiano andrebbero a evidenziare una presenza capillare a maggio di Matteo Salvini nei Tg e nei talk di Rai, Mediaset e La7.

Dati maggio 2020 Agcom
I dati del monitoraggio dell’Agcom a maggio 2020

Leggendo i dati diffusi dall’Agcom, si può notare come questa presenza massiccia della Lega in televisione sia a discapito soprattutto di Fratelli d’Italia, mentre a Mediaset è Forza Italia ca va sans dire a spadroneggiare.

Più volte nei mesi scorsi l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha mandato nei moniti per “riequilibrare il pluralismo in televisione”, tanto che a febbraio la Rai è stata multata per 1,5 milioni in quanto avrebbe violato “il contratto di servizio, in particolare per quanto riguarda i principi di indipendenza, imparzialità e pluralismo”.

Iscriviti alla newsletter

1 commento

foto profilo

daniele • 4 mesi fa

Conte è poco o nulla, è normale che Salvini sia piu visibile di lui. Che la loro visibilità sia proporzionale ai loro voti nel Paese?

Money Stories