Chi è Roberto Lagalla? Biografia del nuovo sindaco a Palermo

Alessandro Cipolla

15 Giugno 2022 - 13:29

condividi

Roberto Lagalla è il nuovo sindaco di Palermo dopo la netta vittoria alle elezioni amministrative 2022: la biografia e il programma elettorale del primo cittadino.

Chi è Roberto Lagalla? Biografia del nuovo sindaco a Palermo

Alle elezioni amministrative Palermo 2022 il trionfatore è stato Roberto Lagalla, il candidato sindaco del centrodestra che ha ottenuto una netta vittoria al primo turno grazie all’aver ricompattato una coalizione che, fino a poche settimane dal voto, appariva essere destinata a presentarsi divisa.

Lagalla così in queste elezioni a Palermo è stato sostenuto da ben nove liste: Forza Italia, Fratelli d’Italia, Prima l’Italia, Udc, Noi con l’Italia, Nuova Dc, Moderati per Lagalla, Lavoriamo per Palermo e Alleanza per Palermo.

Non sono mancate però le polemiche per l’arresto, pochi giorni prima del voto, di due candidati presenti nelle liste a sostegno di Lagalla entrambi accusati di scambio elettorale politico-mafioso.

Alle urne comunque Roberto Lagalla è stato più forte delle polemiche riuscendo a ottenere al il 47,63% dei voti, una percentuale che vista le elegge elettorale in vigore in Sicilia è sufficiente a decretare una vittoria già al primo turno.

Ma chi è Roberto Lagalla? Vediamo la biografia del nuovo sindaco di Palermo e cosa c’è scritto nel suo programma elettorale che può essere visionato nella sua versione completa in Pdf in calce all’articolo.

La biografia di Roberto Lagalla

Nome: Roberto Lagalla

Data di nascita: 16 aprile 1955

Luogo: Bari

Famiglia: sposato con quattro figli

Istruzione: laurea in Medicina e Chirurgia

Lavoro: medico e docente universitario

Partito: Unione di Centro

Ruolo: sindaco di Palermo

Incarichi: in passato rettore dell’Università di Palermo, ex assessore regionale alla Sanità e all’Istruzione

Curiosità: è cittadino onorario di Agrigento e di Racalmuto

Cv Roberto Lagalla

Il programma elettorale

Roberto Lagalla da iniziale candidato sindaco a Palermo dell’Udc a mano a mano è riuscito a far convergere sulla sua figura tutti gli altri partiti del centrodestra: una unione che alla fine si è rivelata essere fondamentale per la vittoria al primo turno.

Per far rinascere Palermo serve una Rivoluzione!” si legge sul suo programma elettorale che prevede “dieci rivoluzioni fatte di interventi concreti e realizzabili in altrettanti campi e che cambino radicalmente il modo di amministrare la città e il modo di essere tutti insieme Palermo”.

Queste sono le cinque direttrici chiave che riassumono trasversalmente lo spirito dell’intero programma elettorale di Roberto Lagalla.

  • Strategia – Bisogna uscire dalla consuetudine di intervenire in emergenza e puntare a interventi strategici che lascino il segno su un orizzonte temporale ben più lungo del quinquennio da amministrare.
  • Integrazione – Ogni rivoluzione non può prescindere dall’apporto di tutte le componenti della società, arricchendosi delle diverse culture e punti di vista, avvantaggiandosi delle diverse competenze, responsabilizzando tutti gli attori e abbattendo i muri di gomma del “non è compito mio”.
  • Inclusione – La garanzia costituzionale dei “diritti per tutti” non deve tradursi in un mero rispetto di un obbligo istituzionale ma essere promossa, resa percepibile e concretamente fruibile ai soggetti più fragili della nostra comunità.
  • Partecipazione – “Nessuno escluso”: quello che fino a oggi era solo lo slogan della difesa dei diritti, dovrà diventare il cuore di una nuova cittadinanza attiva e responsabile rivoluzionando il paradigma “Palermo è di tutti e ne faccio quello che voglio” in “Palermo è parte di me – Io sono parte di Palermo”.
  • Sostenibilità – Ogni gesto che compiamo ha una ricaduta sull’ambiente, sull’economia, sulla qualità della vita. Un programma per una città del terzo millennio deve garantire la qualità del presente guardando alla cittadinanza del futuro.

Serve una rivoluzione fatta di azioni innovative - ha scritto Lagalla nel suo programma - Che non puntino al semplice mantenimento dello status quo e che non si limitino a riproporre strade già percorse anche quando esse non hanno prodotto i risultati desiderati”.

Roberto Lagalla
Programma elettorale elezioni Palermo 2022

Iscriviti a Money.it