Riscatto laurea agevolato per aderire all’opzione donna: chiarimenti

Lorenzo Rubini

18 Febbraio 2021 - 14:55

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Il riscatto agevolato della laurea può essere molto conveniente per chi intende accedere alla pensione con il regime sperimentale opzione donna.

Riscatto laurea agevolato per aderire all'opzione donna: chiarimenti

Il riscatto agevolato della laurea richiede, per chi ha periodi di studio che si collocano prima del 1996, che si scelga l’opzione contributiva per il calcolo dell’assegno previdenziale spettante. L’opzione donna, prevedendo già un ricalcolo contributivo della pensione, quindi è la misura più indicata in questo caso,nella quale è ininfluente l’opzione contributiva richiesta.

“Salve,
avrei bisogno di porvi qualche domanda.
Mi sono laureata nel 1986 in Lingue (4 anni). Ho già fatto domanda all’INPS per il riscatto dei 4 anni e mi sono stati chiesti 72.000 euro.
Secondo voi potrei usufruire dell’onere ridotto che prevede il riscatto degli anni di laurea con un pagamento appunto di circa 20.000 euro?
Sono nata nel 1962 e attualmente ho 32 anni di contributi versati. Se volessi andare in pensione anticipatamente usufruendo dell’opzione donna (sempre che questa possibilità resti anche nei prossimi anni), devo aspettare di aver maturato almeno 35 anni di contributi, quindi tra 3 anni a 61 anni?Se si, come faccio a sapere quanto sarà l’importo della mia pensione, considerando le detrazioni che ci saranno?
In attesa di una Vostra cortese risposta, Vi ringrazio e saluto cordialmente.”

Riscatto laurea per opzione donna

Con il riscatto della laurea potrebbe accedere fin da subito alla pensione con l’opzione donna visto che ha raggiunto entro il 31 dicembre 2020 i 58 anni di contributi richiesti alle lavoratrici dipendenti e visto che, alla stessa data, raggiungerebbe anche i 35 anni di contributi necessari con il riscatto degli anni di studio.

Nel suo caso, poi, se dovesse scegliere l’opzione donna il riscatto agevolato della laurea sarebbe anche il più conveniente visto che in ogni caso la pensione sarebbe calcolata con il sistema contributivo.

Il riscatto degli anni di studio che si collocano precedentemente al 1996, infatti, se effettuato con l’agevolazione richiede che si scelga l’opzione contributiva per il calcolo dell’assegno previdenziale. La cosa potrebbe non essere conveniente per chi si pensiona con altre misure, ma per chi scegli opzione donna è ininfluente visto che la misura prevede, appunto, un ricalcolo interamente contributivo della pensione spettante (proprio come l’opzione contributiva).

Ricapitolando, quindi, riscattando la laurea potrebbe accedere fin da subito all’opzione donna (visto che i 32 anni di contributi che possiede si sommerebbero ai 4 anni riscattati per la laurea) senza attendere i 61 anni e senza sperare in successive proroghe della misura.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

# Laurea

Iscriviti alla newsletter

Money Stories