Una regione in zona verde: è la prima in Italia. Cosa significa

Fiammetta Rubini

4 Giugno 2021 - 12:43

condividi

Zona verde in una regione italiana nella nuova mappa dell’UE: ecco qual è e cosa significa per le regole di viaggio.

Una regione in zona verde: è la prima in Italia. Cosa significa

Spunta una zona verde in Italia sulla mappa europea del contagio dell’ECDC (Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie).

Si tratta del Molise, regione che dal 31 maggio è diventata bianca grazie a un’incidenza sotto i 50 casi per tre settimane consecutive. È la prima volta che una regione italiana si tinge di verde. Tutte le altre regioni sono classificate in arancione a eccezione della Calabria, che è rossa. Ecco cosa significa.

Molise in zona verde: cosa significa

La mappa Covid-19 dell’ECDC è una mappa in cui le aree dei Paesi dell’Ue (più Islanda, Liechtenstein e Norvegia) vengono contrassegnate con un sistema a semaforo. Le regioni saranno colorate di verde, arancione, rosso e rosso scuro a seconda del tasso di nuovi positivi anche in rapporto ai tamponi effettuati, considerati a 14 giorni e su 100mila abitanti.

Le mappe si basano sui dati comunicati dagli Stati membri dell’Ue al database del Sistema di sorveglianza europeo (TESSy) ogni martedì, e servono per mostrare i livelli di rischio nei vari Paesi.

Sulla base della mappa comune i singoli Stati membri possono decidere se introdurre determinate restrizioni, come quarantena o tampone, ai viaggiatori provenienti dalle aree più a rischio. La mappa fornirà inoltre ai viaggiatori informazioni generali sul livello di rischio a destinazione.

Gli Stati membri hanno concordato che non ci saranno restrizioni per i viaggiatori provenienti da zone verdi. Per tutti gli altri potrebbero essere richiesti quarantena o tampone da fare prima o dopo l’arrivo. In particolare a tutti coloro che arrivano da aree rosso scuro, a causa del particolare rischio, tutti i Paesi Ue dovrebbero richiedere di fare un tampone prima della partenza e di sottoporsi ad autoisolamento all’arrivo.

Zone verdi, arancioni e rosse nella mappa europea

Ecco come una regione entra in zona verde, arancione, rossa o rossa scuro nella mappa europea del rischio Covid-19.

  • Zona verde: se il tasso di nuovi casi è inferiore a 25 e il tasso di positività al test è inferiore al 4%
  • Zona arancione: se il tasso di notifica in 14 giorni è inferiore a 50 casi per 100.000 ma il tasso di positività al tampone è pari o superiore al 4% o, se il tasso di notifica in 14 giorni è compreso tra 25 e 150 casi per 100.000 e il tasso di positività al test è inferiore al 4%
  • Zona rossa: se il tasso di notifica di casi di COVID-19 cumulativo di 14 giorni varia da 50 a 150 e il tasso di positività al test dei test per l’infezione da COVID-19 è pari o superiore al 4%, o se il tasso di notifica di caso di COVID-19 cumulativo di 14 giorni è superiore a 150 ma inferiore a 500
  • Zona rosso scuro: se il tasso di notifica cumulativo di casi COVID-19 di 14 giorni è 500 o più
  • Zona grigia: se le informazioni sono insufficienti o se il tasso di test è inferiore a 300 casi per 100.000.

Argomenti

# Italia

Iscriviti a Money.it