Petrolio (a sorpresa) in ribasso nella volatilità da guerra

Violetta Silvestri

10 Marzo 2022 - 08:37

condividi

Oscillazioni a sorpresa per il prezzo del petrolio: le quotazioni sono diminuite drasticamente nella serata di mercoledì e oggi scambiano a livelli più bassi dei picchi precedenti. Per quale motivo?

Petrolio (a sorpresa) in ribasso nella volatilità da guerra

I prezzi del petrolio sono scesi in un movimento improvviso mercoledì e oggi viaggiano su livelli più bassi dei picchi raggiunti nei giorni scorsi.

Il rally di questo mese è stato in parte restituito, dopo aver toccato prezzi sorprendenti a causa delle interruzioni dell’offerta derivanti dall’invasione russa dell’Ucraina.

Il petrolio greggio WTI è crollato di oltre il 12%, o $ 15, attestandosi a $ 108,7 al barile, registrando il suo giorno peggiore dal 26 novembre. All’inizio di questa settimana, il WTI ha superato brevemente $ 130 al barile, un massimo di 13 anni, durante l’intensificarsi delle tensioni geopolitiche.

Il petrolio greggio Brent, il benchmark internazionale, è sceso di un simile 13%, o $ 16,8 a $ 111,1, per il suo più grande calo di un giorno da aprile 2020. Il Brent ha appena raggiunto $ 139 lunedì, il massimo dal 2008.

Perché il petrolio ha perso quota e quanto durerà?

Nel caos della guerra il petrolio è in calo

Alle ore 8.22 circa il prezzo del petrolio sta già recuperando il tonfo di ieri sera. I future sul Brent scambiano a 115 dollari al barile e quelli sul WTI a 111 dollari al barile. Sono comunque lontane le cifre impressionanti di 130 dollari al barile di 24 ore fa.

Cosa è successo? Il movimento al ribasso del greggio è arrivato tra indicazioni di possibili progressi da parte degli Stati Uniti nell’incoraggiare una maggiore produzione di petrolio da altre fonti. Reuters ha riferito che l’Iraq ha affermato che potrebbe aumentare la produzione se l’OPEC+ lo chiedesse.

Il segretario di Stato Antony Blinken ha anche segnalato che gli Emirati Arabi Uniti sosterranno l’aumento della produzione da parte del cartello.

La scorsa settimana, l’Agenzia Internazionale per l’Energia ha rilasciato 60 milioni di barili di riserve petrolifere per compensare le interruzioni dell’approvvigionamento in seguito all’invasione russa, definendo la mossa una “risposta iniziale” con possibilità di altri rilasci.

“Quel prezzo di $130 stava tenendo conto della mentalità d’assedio assoluto nel mercato petrolifero, dove stavamo guardando verso il basso con la perdita potenziale di tutta la produzione russa, l’immobilismo dell’OPEC e la situazione in Ucraina in peggioramento. Ora abbiamo invertito tutto ciò, apparentemente, almeno in una certa misura”, ha detto John Kilduff di Again Capital alla CNBC.

Cosa può succedere al prezzo del greggio?

La volatilità e l’incertezza dell’esito della guerra sono ancora fattori allarmanti per il comparto energetico.

Un calo dei prezzi non sposterebbe le attuali prospettive tecniche rialziste per il petrolio e il più ampio complesso energetico, ha detto Tayler Richey, co-editore di Sevens Report Research a MarketWatch:

“Se la situazione Russia-Ucraina dovesse peggiorare in modo significativo, potremmo vedere rapidamente una corsa verso i massimi storici, con un obiettivo di movimento misurato di circa $ 145 al barile, solo due dollari in meno rispetto al record precedente”

Se gli alleati occidentali si unissero a Washington nel vietare le importazioni di energia russe si potrebbe creare un buco nel mercato di 4,3 milioni di barili al giorno che semplicemente non può essere rapidamente sostituito da altre fonti di approvvigionamento: questa la tesi di Bjørnar Tonhaugen, capo dei mercati petroliferi di Rystad Energy.

Di conseguenza, i prezzi del petrolio dovrebbero aumentare per distruggere una domanda sufficiente e incentivare una risposta dell’offerta attraverso una maggiore attività - entrambe con un ritardo di diversi mesi - per riequilibrare il mercato a un’intersezione più elevata tra offerta/domanda/prezzo, secondo l’esperto.

Sebbene non sia lo scenario più probabile, Tonhaugen ha stimato che se le esportazioni di petrolio russe verso l’Occidente fossero interrotte entro aprile, con solo Cina e India a mantenere intatti gli attuali livelli di importazione, il Brent potrebbe raggiungere i 240 dollari al barile entro l’estate.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.