Prezzo del Bitcoin a 288.000 dollari entro il 2024: la previsione schock

Usando il tanto discusso modello di pricing stock-to-flow, la quotazione del Bitcoin raggiungerà quota 288.000 dollari entro il 2024.

Prezzo del Bitcoin a 288.000 dollari entro il 2024: la previsione schock

La quotazione del Bitcoin arriverà a 288.000 dollari entro la fine del 2024: almeno questa è la previsione dell’analista conosciuto come PlanB, molto attivo sulla scena social, soprattutto su Twitter.

Il Bitcoin, la criptovaluta numero uno sul mercato, viaggia ora poco sopra i 10.800 dollari, in recupero rispetto alla discesa inaugurata all’inizio di settembre, che ha visto il prezzo scendere velocemente da quota 11.930 dollari. La capitalizzazione si attesta poco sopra i 200 miliardi di dollari, con una quota del mercato delle crypto di quasi il 57%.

Bitcoin a 288.000 dollari entro il 2024?

Il modello stock-to-flow - in cui si considera il Bitcoin paragonabile a materie prime come oro, argento o platino e in cui viene messo in rapporto lo stock corrente (importo totale attualmente disponibile) con il flusso di nuova produzione (importo realizzato nell’anno specifico - per prevedere il futuro andamento del re delle criptovalute è uno degli argomenti più discussi nelle settore al momento (lo stesso che ha utilizzato PlanB per effettuare la sua previsione).

In un tweet datato 14 settembre, l’analista afferma che il Bitcoin sta per entrare in una forte fase rialzista. Secondo i dati derivati dal modello di pricing, i «profitti storici» stanno per fare il loro ritorno.

Questo è il modello della serie temporale 2019 solo dei dati storici BTC (non vengono utilizzati dati su oro, argento, diamanti e real estate). Si vede il salto del valore del modello all’halving (linea bianca) e il corrispondente calo al multiplo S2F/errore sul modello (punti bianchi). È ora di salire.

Secondo PlanB, il nuovo modello incorpora una maggiore quantità di fattori macro e fa prevedere che il prezzo del Bitcoin salirà a quota 288.000 dollari entro la fine del 2024.

Qualora la criptovaluta riuscisse a superare la soglia degli 11.900, non c’è motivo per cui il BTC non riesca a proseguire la salita verso i 14.000 secondo l’analista. E da lì la strada sarebbe tutta in salita.
Si ricorda, tuttavia, che la quotazione già in passato si è rivelata essere facilmente vittima di una forte volatilità, il che non permette ai modelli statistico-previsionali di dare indicazioni affidabili.

I vantaggi per il Bitcoin dalla crisi coronavirus

A causa della crisi del coronavirus, le banche centrali di tutto il mondo hanno riversato sul mercato miliardi e miliardi nel tentativo di mitigare gli effetti della pandemia. Secondo Bloomberg, il Bitcoin potrebbe beneficiare da una continuazione delle attuali misure a favore del settore finanziario.

Nella serata di mercoledì la Federal Reserve, banca centrale statunitense, ha confermato i tassi fermi almeno fino al 2023 e gli acquisti in seno al QE dal valore di 120 miliardi di dollari al mese. Il gioco potrebbe presto tornare ad essere interessante.

Argomenti:

Bitcoin

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories