Poste Italiane, nuovi orari di apertura e chiusura: ecco cosa cambia

Marta Tedesco

20/03/2020

16/04/2021 - 15:42

condividi
Facebook
twitter whatsapp

A causa dell’emergenza coronavirus, Poste Italiane ha riorganizzato e limitato l’apertura degli uffici postali su tutto il territorio nazionale. Ecco in che modo.

Poste Italiane, nuovi orari di apertura e chiusura: ecco cosa cambia

In questo periodo di emergenza coronavirus, la necessità di andare il meno possibile alle Poste è stringente, per evitare che questi diventino luoghi di assembramento.

Proprio per questo motivo, Poste Italiane tramite un comunicato ufficiale sul sito, ha informato i clienti che gli uffici restano aperti e il servizio verrà garantito su tutto il territorio nazionale, ma sarà riorganizzato e limitato “in ottemperanza agli ultimi provvedimenti governativi”. L’obiettivo dell’azienda è quello di garantire la sicurezza dei propri dipendenti e di tutti gli utenti.

L’apertura degli uffici postali sarà dunque limitata in maniera omogenea su tutto il territorio nazionale e il criterio di riferimento considerato è il numero di abitanti di ciascun comune.

Poste Italiane: nuovi orari e giorni di apertura degli uffici

POSTE Uncem ha annunciato ai Sindaci la riorganizzazione dell’apertura degli uffici postali e dei servizi, che continueranno a essere erogati con modalità diverse in tutta Italia. La società ha spiegato che in una fase di emergenza come questa “saranno contingentate le aperture pomeridiane degli uffici aperti su doppio turno e di quelli aperti solo al mattino”. Seppure questa appare come una decisione per certi versi molto rigida, si presenta allo stesso modo come inevitabile “considerata l’evoluzione della situazione epidemiologica e l’incremento dei casi di contagio sul territorio nazionale”.

Su tutto il territorio italiano quindi Poste Italiane ha disposto la riduzione a tre giorni di apertura per tutti gli uffici che in questo momento effettuano turno unico, ovvero con orario 8.20-13.35. Per i Comuni con una popolazione fino a 25mila abitanti è scattata la limitazione a tre giorni di apertura, con orario 8.20-13.35, per alcuni uffici che fino ad oggi effettuavano il doppio turno, ovvero dalle 8.20 alle 19.05.

Per i Comuni con popolazione oltre i 25mila abitanti invece l’apertura sarà effettuata su sei giorni con modalità turno unico (8.20-13.35) per alcuni uffici che al momento facevano il doppio turno (8.20-19.05). Nei Comuni con oltre 150mila abitanti invece è prevista l’apertura di almeno un ufficio postale a doppio turno, con termine delle attività anticipato però alle 18.

Coronavirus e Poste Italiane: i servizi garantiti

Poste Italiane invitano comunque i cittadini a non recarsi, o comunque limitarsi ad andare il meno possibile, negli uffici postali come anche in altri uffici pubblici. L’azienda ha comunicato inoltre ai sindaci che l’Inps ha autorizzato il pagamento delle pensioni a decorrere dal 26 marzo.

Poste italiane si impegna per questo ad attivare iniziative di comunicazione specifiche con lo scopo di permettere una gestione dei flussi ben regolata e che garantisca, attraverso il frazionamento dei pagamenti previsti su base giornaliera e per ordine alfabetico, la sicurezza della clientela e quella dei dipendenti impegnati nell’erogazione del servizio.

Sarà possibile inoltre continuare ad effettuare operazioni di contante, come il prelievo di soldi, dagli Atm Postamat in funzione.

Anche i servizi di consegna corrispondenza e pacchi saranno garantiti, anche se gli orari di lavoro dei portalettere sono stati limitati e dilazionati “per evitare la concentrazione di personale all’interno dei siti operativi nelle stesse fasce orarie”.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories