Piazza Affari: fondi ancora short su finanziari e banche, l’analisi delle posizioni

Ancora molte incertezze sull’Italia e le posizioni short dei fondi internazionali sulle società di Borsa Italiana rispecchiano questo scenario. L’Ufficio studi di Money.it propone un’analisi delle posizioni corte comunicate a Consob

Piazza Affari: fondi ancora short su finanziari e banche, l'analisi delle posizioni

Una settimana travagliata quella conclusasi ieri a Piazza Affari, che ha visto l’indice italiano chiudere anche questa ottava denotando una debolezza di fondo, con sedute difficili, messe in difficoltà dalla questione dazi e da quella spread.

Le incertezze sul nostro Paese sono ancora molte e le posizioni short aperte dai fondi internazionali sulle società quotate di Borsa Italiana rispecchiano questi scenari. L’Ufficio studi di Money.it ha quindi analizzato le posizioni nette corte (PNC) aperte dai fondi istituzionali e Hedge fund sul mercato italiano sulla base dei dati pubblicati da Consob grazie alle comunicazioni pervenute dagli operatori finanziari posizionati sul mercato italiano con più dello 0,5% del capitale.


Elaborazione Ufficio studi Money.it

La prima tabella evidenzia in ordine decrescente la classifica dei titoli in base alla quantità di capitale su cui sono aperte posizioni nette corte da parte di fondi istituzionali o privati all’ultima rilevazione da noi effettuata.

Uno dei settori dove sono concentrate le maggiori scommesse short sul nostro Paese è il bancario. Infatti la società che soffre di un maggior numero di posizioni allo scoperto sul capitale è ancora Azimut, con 9 posizioni nette ribassiste per una quota del 9,55% del capitale.

Fa seguito BPER Banca, dove si presentano 8 posizioni corte nette da parte dei fondi, per un totale di 7,65% di capitale impiegato. Ottava difficile anche per Banco BPM, che ha sulle spalle 7 posizioni corte per una quota pari al 6,57% del capitale.


Elaborazione Ufficio studi Money.it

Sono state poi analizzate le variazioni rispetto ai dati del 20 luglio scorso, per dare al lettore-investitore un’idea di come si sia evoluta l’esposizione dei fondi sulla nostra Borsa in seguito alla ricca stagione delle trimestrali.

Come vediamo nella seconda tabella, rispetto a due settimane fa è aumentata l’esposizione short su Azimut, passata da un 9,29% all’attuale 9,55%; ora sono 9 le posizioni corte aperte rispetto alle precedenti 8.

Diminuita però l’esposizione su BPER Banca e Banco BPM: la prima vede una riduzione delle posizioni corte da 9 a 8 e del capitale impegnato da parte dei fondi per tali posizioni che passa dall’8,12% al 7,65% mentre la seconda vede le posizioni corte diminuire da 8 a 7 e il capitale passare dal 6,94% al 6,57%.

Rispetto alla settimana del 20 luglio inoltre non sono presenti Banca Mediolanum, Società Sportiva Lazio, Mondo TV ed Eurotech, mentre la new entry è la società I.M.A. che esordisce nell’elenco con 1 posizione netta corta per una percentuale sul capitale pari allo 0,63%.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Borsa Italiana

Argomenti:

Borsa Italiana Consob

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.