Perché è saltato l’accordo Nvidia-Arm nel settore strategico dei chip

Violetta Silvestri

8 Febbraio 2022 - 10:33

condividi

Prenannunciato come uno degli accordi di più importanti della storia nel settore chip, la vendita di Arm a Nvidia da parte di SoftBank è saltata. Per quale motivo? Ora si punta all’IPO.

Perché è saltato l'accordo Nvidia-Arm nel settore strategico dei chip

SoftBank Group ha escluso la vendita di Arm al produttore di chip statunitense Nvidia a causa di ostacoli normativi, hanno affermato le società.

Sfuma, quindi, quello che era stato già valutato come l’ affare della storia per il settore, dal valore record fino a $80 miliardi.

L’acquisizione avrebbe segnato un’uscita anticipata da Arm per SoftBank, che l’ha acquisita nel 2016 per 32 miliardi di dollari. Il fallimento dell’accordo segna una grave battuta d’arresto per gli sforzi del conglomerato giapponese di generare fondi in un momento in cui le valutazioni del suo portafoglio sono sotto pressione.

I motivi dello stop all’affare nel settore sempre più cruciale dei semiconduttori e cosa aspettarsi dalle società interessate.

L’affare Arm-Nvidia, non si farà: i motivi

Con un valore iniziale di 40 miliardi di dollari destinato ad aumentare, l’acquisizione da parte del produttore di chip statunitense della società di design britannica Arm sarebbe stata il più grande accordo mai registrato nel settore dei semiconduttori.

Tuttavia, le autorità di regolamentazione di tutto il mondo hanno a lungo sollevato preoccupazioni sull’accordo, che alla fine ha portato alla sua cancellazione martedì.

In una dichiarazione, SoftBank ha citato “sfide normative significative” che le hanno impedito di completare l’accordo. Ha affermato che avrebbe invece preparato Arm per un’offerta pubblica entro l’anno fiscale che termina a marzo 2023.

Secondo i termini dell’accordo, SoftBank aveva già ricevuto un deposito di $ 1,25 miliardi durante la firma. Quel pagamento non era rimborsabile e “sarà riconosciuto come profitto” nei guadagni del conglomerato giapponese per il trimestre che si conclude a marzo.

Arm è un’azienda cruciale, visto che produce la tecnologia alla base di ogni processore per smartphone, inclusi gli iPhone di Apple e i dispositivi Android con chip Qualcomm. Conta come cliente quasi tutte le principali società di semiconduttori.

Dalla sua parte, Nvidia è diventata l’azienda di chip statunitense più preziosa grazie ai suoi semiconduttori per processori grafici. Sebbene siano ancora considerati cruciali solo per i giochi, i processori grafici sono diventati sempre più richiesti per l’intelligenza artificiale e altri campi avanzati.

A dicembre, però, la Federal Trade Commission degli Stati Uniti ha fatto causa per bloccare l’accordo, affermando che avrebbe soffocato la concorrenza e dato alla società combinata un controllo eccessivo sulla tecnologia e sui design dei chip.

La Commissione Europea ha essa stessa avviato un’indagine sull’accordo alla fine dello scorso anno.

L’intesa per l’affare avrebbe dovuto superare le approvazioni normative da parte di Regno Unito, Unione Europea, Stati Uniti e Cina.

IPO Arm in arrivo?

Fallita la vendita, SoftBank ha dichiarato di pianificare un’offerta pubblica iniziale per Arm nell’anno fiscale che termina a marzo 2023 e che il presidente Rene Haas assumerà il ruolo di amministratore delegato in sostituzione di Simon Segars, che si è dimesso.

“Rene è il leader giusto per accelerare la crescita di Arm mentre l’azienda inizia a fare i preparativi per rientrare nei mercati pubblici”, ha affermato Masayoshi Son, CEO di SoftBank Group.

C’è ottimismo sulle prospettive dell’IPO di Arm, già definita in casa SiftBank come il più grande debutto nella storia dell’industria dei semiconduttori.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.