Pensione prima per chi assiste familiare con handicap: quali misure?

Lorenzo Rubini

14 Luglio 2021 - 19:22

Per i lavoratori che assistono un familiare con grave handicap sono previste delle agevolazioni nel pensionamento.

Pensione prima per chi assiste familiare con handicap: quali misure?

La normativa previdenziale prevede delle agevolazioni nel pensionamento del lavoratore che assiste un familiare con grave handicap ai sensi della legge 104. Ma le misure che permettono un anticipo previdenziale al caregiver sono, attualmente, soltanto due.

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno
Chiedevo gentilmente se ci siano agevolazioni al prepensionamento per chi abbia la 104 per un famigliare (settore privato)”.

Pensione prima per chi assiste un disabile

Le uniche due misure che permettono al caregiver un pensionamento anticipato, oltre quelli già previsti per la generalità dei lavoratori, sono la quota 41 e l’Ape sociale. Entrambe le misure prevedono l’accesso ai lavoratori che rientrano in precisi profili di tutela tra i quali rientrano, appunto, anche i lavoratori che assistono familiari disabili.

Alla quota 41 possono accedere i lavoratori che assistono un familiare convivente con handicap grave ai sensi della legge 104 del 1992 a patto che rientrino anche nella categoria dei lavoratori precoci e che abbiano maturato almeno 41 anni di contributi.

Con questa misura, quindi, l’agevolazione è rivolta solo ai caregiver che siano anche precoci e che abbiano, quindi, versato almeno 12 mesi di contributi da lavoro prima del compimento dei 19 anni di età.

L’Ape sociale, invece, permette l’accesso al lavoratore che da almeno 6 mesi assista un familiare convivente con grave handicap che abbia compiuto almeno 63 anni e che abbia versato almeno 30 anni di contributi.

Queste le uniche due forme di prepensionamento rivolte a chi si prende cura di un familiare con grave handicap (ma ovviamente si può fruire anche della pensione anticipata ordinaria, ad esempio, con i requisiti richiesti alla generalità dei lavoratori).

Ricordo, in ogni caso, che il lavoratore dipendente che assiste un familiare disabile può fruire anche del congedo straordinario retribuito di massimo 24 mesi durante i quali ha copertura contributiva utile al raggiungimento della pensione.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti a Money.it

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo