Pensione per lavoro gravoso, quali benefici?

Lorenzo Rubini

8 Aprile 2021 - 13:45

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Quali sono i benefici previdenziali cui possono accedere i lavoratori gravosi? Scopriamo cosa prevede la normativa in vigore.

Pensione per lavoro gravoso, quali benefici?

Per chi svolge una mansione gravosa la normativa previdenziale prevede alcuni benefici, tra i quali l’accesso alla pensione con la quota 41 o con l’Ape sociale a patto di essere in possesso degli altri requisiti richiesti dalla misura. Un latro beneficio che spetta ai lavoratori gravosi è l’accesso alla pensione di vecchiaia ordinaria con soli 66 anni e 7 mesi di contributi a patto di aver maturato almeno 30 anni di contributi.“”

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Salve, sono un pescatore ho 62 anni e 7 mesi e 41 anni e 2 mesi di contributi. Non ho lavoro precoce ma il mio è un lavoro gravoso. Potrei usufruire della quota 41? Grazie per la Vostra risposta”

Pensione lavoro gravoso

Per accedere alla quota 41, misura destinati ai soli lavoratori precoci, è necessario aver maturato almeno 12 mesi di contributi prima del compimento dei 19 anni di età. In mancanza di questo requisito fondamentale, quindi, la misura è preclusa anche a chi rientra in uno dei profili di tutela di accesso.

Nel suo caso, quindi, non rientrando nella categoria dei lavoratori precoci, e pur essendo un lavoratore gravoso, non ha diritto di accedere al pensionamento con la quota 41. Quali sono le alternativa nel suo caso specifico?

La prima possibilità di pensionamento è proprio nel corso del 2021: avendo 62 anni e 7 mesi fra 5 mesi lei compirà i 63 anni, età richiesta per poter accedere alla pensione con l’Ape sociale. La misura consente l’accesso ai lavoratori disoccupati, invalidi e caregiver che hanno maturato almeno 30 anni di contributi e ai lavoratori gravosi che hanno maturato almeno 36 anni di contributi.

Di fatto, quindi, lei potrebbe già presentare domanda per il riconoscimento del beneficio, ottenuta la quale potrà, poi, presentare domanda di pensione vera e propria.

In alternativa, invece, dovrebbe attendere di maturare i 42 anni e 10 mesi necessari per poter accedere alla pensione anticipata ordinaria

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it».

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories