Pensione con 11 anni di contributi: cosa e quando spetta?

Lorenzo Rubini

18 Agosto 2021 - 19:14

condividi

Per chi ha versato meno di 20 anni di contributi il pensionamento potrebbe non essere assicurato.

Pensione con 11 anni di contributi: cosa e quando spetta?

La pensione di vecchiaia si raggiunge al compimento dei 67 anni ma è necessario aver versato almeno 20 anni di contributi per averne diritto. Per chi di contributi ne ha versati meno potrebbe non spettare nulla.

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Mia madre ha lavorato per 11 anni... non sufficienti al raggiungimento della pensione minima... ora che a settembre ne compie 66, avrà diritto ad una persone di anzianità?
Aggiungo che mio padre è un pensionato di 67 anni ex artigiano che percepisce una pensione ai limiti della povertà per il costo della vita attuale.
Grazie per una vostra risposta. Figlia preoccupata...”

Pensione con 11 anni di contributi

Come detto sopra per la pensione di vecchiaia a 67 occorrono almeno 20 anni di contributi. In assenza di questa contribuzione le alternative possono essere due: o l’assegno sociale o la pensione di vecchiaia contributiva ma andiamo con ordine.

Innanzitutto è bene chiarire che la pensione di anzianità non è più in vigore sostituita, nel 2012, dalla pensione anticipata per la quale occorrono 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini e un anno in meno per le donne.

In ogni caso sua madre potrebbe avere diritto all’assegno sociale, a patto che i redditi familiari (ovvero la somma dei redditi coniugali) non superino il limite di 11.955,58 euro l’anno. Questo significa che se suo padre ha una pensione annua di importo inferiore a questa cifra sua madre potrebbe richiedere l’assegno sociale pari a 460 euro al mese per 13 mensilità.

Se dovesse rientrare nel diritto, in ogni caso, le spetterebbe solo al compimento dei 67 anni e dovrà, quindi, attendere un altro anno.

Se non rientra nel diritto all’assegno sociale, invece, e gli 11 anni di contributi versati sono tutti successivi al 31 dicembre 1995, potrebbe avere diritto alla pensione di vecchiaia contributiva che, pur spettando al compimento dei 71 anni, richiede solo 5 anni di contribuzione versata ma è limitato soltanto a coloro che ricadono nel sistema contributivo puro. Questo significa che per averne diritto nessun contributo deve essere stato versato prima del 1996.

Se non rientra in nessuna di queste misure, purtroppo, a sua madre non spetta nulla, nonostante abbia versato 11 anni di contributi.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti a Money.it