Pensione a 64 anni con meno di 15 anni di contributi: cosa fare

La normativa vigente permette il pensionamento anche con soli 15 anni di contributi ma occorre sempre centrare il requisito dei 67 anni di età.

Pensione a 64 anni con meno di 15 anni di contributi: cosa fare

Le tre deroghe contenute nella Legge Amato del 1992 permettono ad alcuni lavoratori, in possesso di particolari requisiti, di accedere alla pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi (anziché richiederne almeno 20 come nella generalità dei casi). Resta fermo, però, il requisito anagrafico dei 67 anni.

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Vorrei cortesemente sapere la possibilità di avere la mia pensione.
Ho 64 anni e con estratto certificativo risultano versate 741 settimane .Nel 1983 ebbi l’autorizzazione al pagamento dei contributi volontari mai pagati,perché poi ho lavorato. Potrei usufruire della seconda deroga Amato per accedere alla pensione dei 15 anni al compimento dei 67 anni e 3 mesi.Posso richiedere i bollettini per le 39 settimane che mi mancano ?”

Pensione a 64 anni con 15 anni di contributi

Ferma restando la necessità di raggiungere i 67 anni di età, le tre deroghe Amato consentono al lavoratore di accedere alla pensione di vecchiaia con soli 15 anni di contributi.

Nello specifico la seconda deroga richiede che sia stata ottenuta l’autorizzazione al versamento dei contributi volontari entro il 24 dicembre 1992.

Possono accedere alla pensione di vecchiaia con la seconda deroga Amato i lavoratori dipendenti a autonomi iscritti all’AGO dell’INPS e gli iscritti all’ex Enpals. Non possono, invece, utilizzarla gli iscritti ex Inpdap ed ex Ipost: esclusi dalla seconda deroga, quindi, sono i dipendenti pubblici.

Per il raggiungimento dei 15 anni di contributi necessari all’accesso alla pensione di vecchiaia possono essere considerati i contributi versati a qualsiasi titolo, quelli obbligatori, quelli da riscatto, i figurativi, i contributi da ricongiunzione e anche i contributi volontari.

Avendo lei già ottenuto l’autorizzazione alla prosecuzione volontaria, quindi, a meno che non risulti essere iscritta a uno dei fondi per i quali l’accesso alla seconda deroga non è consentito, può tranquillamente versare le settimane di contributi mancanti per il raggiungimento dei 15 anni di contributi per accedere alla pensione di vecchiaia al compimento dei 67 anni.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti:

Pensione

Iscriviti alla newsletter

Money Stories