Nicola Morra: chi è il prossimo (probabile) Ministro Istruzione

Governo Conte: è partita la ricerca del nuovo Ministro dell’Istruzione. Nicola Morra il nome più probabile; ecco qual è il suo legame con Scuola e Università.

Nicola Morra: chi è il prossimo (probabile) Ministro Istruzione

Nicola Morra è il nome scelto dal Movimento 5 Stelle (ma sul quale si attende il benestare delle altre forze della maggioranza) per guidare il Ministero dell’Istruzione dopo che Lorenzo Fioramonti ha deciso di dimettersi dall’incarico.

Le polemiche per la decisione dell’ormai ex Ministro dell’Istruzione di lasciare l’incarico conferitogli appena tre mesi fa non si sono ancora placate e probabilmente già nei prossimi giorni il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sarà chiamato in Parlamento per dei chiarimenti.

Nel frattempo però il Movimento 5 Stelle ha pensato ad un nome che possa stare a capo del Ministero dell’Istruzione per il prosieguo della legislatura, portando avanti i progetti previsti per il comparto Istruzione e Ricerca.

Come anticipato il nome scelto è quello di Nicola Morra, classe 1963, attualmente presidente della Commissione parlamentare antimafia.

Una scelta fatta anche per evitare la frammentazione del Movimento 5 Stelle in Parlamento, resa ancora più a rischio con l’addio di Fioramonti al MIUR il quale sembra intenzionato a creare un proprio gruppo parlamentare (che comunque non dovrebbe far mancare il suo appoggio al Governo).

Morra, infatti, è uno dei dissidenti del M5S e un incarico nell’Esecutivo potrebbe far rientrare i suoi malumori.

Ma vediamo - per chi non lo conoscesse - chi è Nicola Morra e qual è il suo legame con il mondo della scuola.

Nicola Morra: chi è il nuovo (probabile) Ministro dell’Istruzione

Classe 1963, Nicola Morra è senatore - eletto per il Movimento 5 Stelle - nonché presidente della Commissione parlamentare antimafia.

Prima di intraprendere la carriera politica, Morra è stato un insegnante (per circa vent’anni) per le scuole superiori; grazie alla laurea presa in filosofia (presso l’Università la Sapienza di Roma) e alla specializzazione in bioetica (Università degli Studi di Bari) è stato docente di storia e filosofia prima per un Liceo Scientifico e poi per un Classico.

Morra quindi ha un passato nella scuola, elemento che molti riconoscono come fondamentale per avere un ruolo di spicco nel MIUR.

Il primo approccio alla politica lo ha nel 2011, quando comincia a prendere parte ai primi meetup del Movimento 5 Stelle; viene eletto al Senato per la prima volta nel 2013, per poi essere confermato alle elezioni del 2018. Nel suo secondo mandato ottiene anche l’incarico più importante della sua carriera: la presidenza della Commissione parlamentare antimafia.

Non è però la prima volta che si fa il suo nome per il Ministero dell’Istruzione: già quando si stava formando la squadra del secondo Governo guidato da Giuseppe Conte, infatti, Morra era tra i papabili al MIUR con la scelta del Movimento 5 Stelle che però è ricaduta su Lorenzo Fioramonti.

Come anticipato, Morra fa parte dell’ala più intransigente del M5S; è molto vicino a Roberto Fico, ma non è detto che la nomina al MIUR non possa ricompattare l’intero Movimento. La scelta di Fioramonti, quindi, sembra aver servito un assist importante a Di Maio, il quale mai come in queste settimane deve guardarsi le spalle proprio dai parlamentari pentastellati.

Di Morra non abbiamo da dire altro, se non che nel 2015 si è parlato molto di lui per l’attacco mosso a Sergio Mattarella. Nel dettaglio, questo ha dichiarato che l’attuale Presidente della Repubblica “proviene simbolicamente da una tradizione che in relazione alla mafia ha tanto da chiarire e da farsi perdonare”.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Nicola Morra

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.